E-car per stoccare l’energia domestica, cresce il mercato

Grazie alla tecnologia “vehicle to building” si muoveranno entro il 2020 finanziamenti per un valore totale di circa 280 mln di dollari

 

(Rinnovabili.it) – L’idea di immagazzinare l’energia nelle batterie veicoli elettrici plug-in (PEV) per poi metterla a disposizione degli edifici commerciali e residenziali con sistemi intelligenti di gestione dei consumi, tecnologia “vehicle-to-building” (V2B), viene studiata sin dal 1990. Oggi, questi sistemi hanno il potenziale necessario per fornire capacità di stoccaggio a favore del proprietario del veicolo e del proprietario dell’edificio, compensando in parte del maggior costo della PEV attraverso la riduzione dei costi energetici dell’edificio, e fornendo affidabili servizi di backup di emergenza. Secondo un nuovo rapporto di Pike Research , gli investimenti in infrastrutture V2B effettuati da produttori di batterie, proprietari di edifici, case automobilistiche e fornitori di tecnologie per l’energia crescerà costantemente per il resto del decennio.

 

A partire dal 2012 fino al 2020, conclude lo studio, tali investimenti ammonteranno a 279 milioni di dollari. “Con la tecnologia V2B installata nel veicolo e presso l’edificio, i veicoli sono in grado di competere con la tradizionale generazione locale, nonché con lo stoccaggio stazionario, per compensare le spese di richiesta o di fornire servizi di peak shaving”, ha dichiarato John Gartner. “Al contrario, il vehicle-to-grid (V2G) richiede molti veicoli aggregati per fornire una quantità utile di energia per sostenere la rete, ed è anche limitata dai gestori di rete, che sono incentivati ​​a sviluppare strutture di mercato e tecnologie, mentre un PEV singolo può essere risolutivo per un edificio commerciale o residenziale. “

Diversamente dalla V2G, l’interesse per la V2B è indipendente dagli investimenti nelle smart grid. Lo dimostrano i fatti: la domanda è maggiore nelle aree con reti elettriche meno affidabili.