Vestas inaugura la prima nave di servizio a idrogeno

Il gigante danese impiegherà per la prima volta una nave per il trasferimento dell’equipaggio alimentata a idrogeno nelle sue operazioni offshore

nave di servizio a idrogeno
V164-8.0MW, Norther, Belgium. Courtesy of Vestas Wind Systems A/S.

La nave di servizio a idrogeno permetterà di tagliare il 37% delle emissioni di trasporto

(Rinnovabili.it) – L’eolico offshore ha bisogno di navi specializzate. Mezzi spesso realizzati ad hoc e utilizzati durante la costruzione, il funzionamento e la manutenzione degli impianti marini, ognuno dei quali esercita un piccolo peso sull’ambiente. Per aiutare la filiera eolica a liberarsi completamente delle emissioni, Vestas sta da tempo sperimentando soluzioni innovative per ridurre la CO2 delle proprie attività e diventare carbon neutral entro il 2030. Un impegno che riguarda da vicino anche le navi di servizio per l’eolico offshore.

leggi anche Cresce l’entusiasmo sull’eolico offshore, ma abbiamo abbastanza navi cantiere?

L’azienda danese sarà, infatti, la prima a testare una nave per il trasferimento dell’equipaggio (crew transfer vessel – CTV) alimentata a idrogeno. Queste imbarcazioni vengono impiegate per trasportare tecnici e altro personale dalla terraferma alle wind farm e sono dotate di apparecchiature specifiche per agevolare il lavoro e “l’approdo” sulle turbine.

La sperimentazione di Vestas, condotta in collaborazione con il fornitore Windcat Workboats, prevede in realtà di impiegare un sistema ibrido idrogeno – gasolio marino come impianto propulsivo, testandone le prestazioni all’interno di un programma pilota presso la Norther Wind Farm. Il lancio dell’iniziativa è previsto per il 15 luglio. E l’esperimento durerà fino alla fine del 2022, offrendo a Vestas la possibilità di studiare approcci più scalabili per incorporare l’idrogeno nella sua configurazione operativa. E di raccogliere informazioni sui vantaggi e sui limiti delle navi di servizio a idrogeno nelle operazioni quotidiane.

“Settori difficili da decarbonizzare, come il trasporto marittimo, saranno l’ultima frontiera del nostro viaggio globale verso le zero emissioni. L’idrogeno è una tecnologia cruciale per avanzare in questo viaggio, motivo per cui Vestas è ansiosa di testarne il potenziale per ridurre le emissioni delle nostre operazioni di servizio”, afferma Christian Venderby, Vicepresidente esecutivo, Service, Vestas.

leggi anche Riciclo pale eoliche: Vestas offre soluzioni di partnership ad hoc

Le emissioni di carbonio associate alle operazioni offshore rappresentano attualmente un terzo delle emissioni scope 1 e 2 di Vestas. Pertanto l’impiego del vettore potrebbe accelerare gli sforzi aziendali verso la neutralità climatica. Il nuovo CTV – spiega la società – ha il potenziale per generare un risparmio di CO2 di 158 tonnellate, ossia il 37% in meno di emissioni di carbonio rispetto a una nave tradizionale. 

Articolo precedenteGas in tassonomia verde, i contrari preparano gli avvocati
Articolo successivoAncora trivelle offshore, Biden si rimangia un’altra promessa elettorale

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui