Olio di pirolisi: per la Finlandia l’aiuto viene dall’Ue

Arrivano dall’Ue i fondi per la produzione, nel già esistente impianto di cogenerazione di Joensuu, dell’olio di pirolisi, eco-alternativa al petrolio

Olio di pirolisi(Rinnovabili.it) – Arriva dalla Commissione Ue il via libera agli aiuti che sosterranno la realizzazione di un impianto per la produzione di olio di pirolisi a Joensuu, Finlandia. La produzione del bio-olio sarà un toccasana per l’ambiente visto che il nuovo carburante ecologico potrà in parte sostituire l’utilizzo di carburanti inquinanti derivati del petrolio.

Accordando il sostegno la Commissione ha affermato che gli aiuti, per un valore complessivo di 8,1 mln di euro, serviranno ad agevolare il raggiungimento degli obiettivi energetici e climatici  dell’Ue senza carichi economici per gli Stati Membri.

 

Il Vicepresidente della Commissione responsabile della politica di concorrenza Joaquín Almunia, ha dichiarato:“L’olio di pirolisi offre una buona alternativa all’olio combustibile pesante. Può essere utilizzato nelle caldaie a gasolio esistenti apportando piccole modifiche, dando ai produttori di calore un chiaro incentivo a passare a carburanti più puliti. La misura di aiuto proposta contribuisce così agli obiettivi dell’UE di ridurre le emissioni di CO2.”

 

Già nel 2012 la Finlandia ha dichiarato l’intenzione di sostenere la produzione di olio di pirolisi (bio-liquido) in un impianto di produzione di calore ed energia già esistente in Joensuu. L’impianto sarà realizzato dalla società finlandese Fortum Power and Oy Heat. L’olio di pirolisi può essere utilizzato in caldaie per il riscaldamento come un sostituto per l’olio combustibile pesante e quindi potrebbe ridurre le emissioni annuali di CO2  di 59mila tonnellate e di diossido di zolfo (SO2)  per 320 tonnellate.

La produzione del bio-olio avviene attraverso un rapido processo di pirolisi che converte la biomassa in combustibile, dando vita ad un progetto che, affiancato ad una centrale di cogenerazione già esistente rappresenterà il primo esempio al mondo.

Articolo precedenteDERBIGUM® entra nel mercato del Medio Oriente
Articolo successivoSpreco energetico: gli ascensori in stand by consumano 10 Mwh l’anno