PM2.5 e navi: così Venezia lotta contro l’inquinamento portuale

Nel capoluogo veneto le polveri sottili dovute all’attività portuale sono calate del 26% tra il 2007 e il 2012, nonostante l’aumento del traffico. Tutti i dati nelle analisi Ca’Foscari-Cnr

PM2.5 e navi: così Venezia lotta contro l’inquinamento portuale

 

(Rinnovabili.it) – La lotta alle polveri sottili nel porto veneziano sta dando i suoi frutti. A confermarlo sono oggi le analisi effettuate dai ricercatori dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Consiglio nazionale delle ricerche nell’ambito del progetto Poseidon. L’iniziativa è stata presentata ieri durante il workshop “Qualità dell’aria in città portuali del Mediterraneo”, evento che ha messo a confronto scienziati impegnati nello studio dell’inquinamento atmosferico nei porti di Venezia, Brindisi, Genova, Rijeka (Croazia), Patrasso (Grecia) e Marsiglia (Francia). Questi scali sono infatti il cuore di due differenti progetti di ricerca finanziati dal Programma europeo MED per la cooperazione territoriale: il CAIMANs, coordinato dall’Arpa Veneta e il Poseidon, per l’appunto, coordinato dall’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Cnr (Isac-Cnr). Ed è proprio su quest’ultimo che scopriamo come in laguna gli studiosi abbiano studiato e realizzato un metodo di raccolta e analisi dei dati che permette di isolare il contributo specifico delle emissioni navali all’inquinamento atmosferico totale.

 

Grazie all’elevata frequenza di campionamento, infatti, è possibile raccogliere prima, durante e dopo il passaggio di una nave tutte le informazioni su polveri sottili (pm2,5) e gas (ossidi di azoto e zolfo).  – si legge nella nota stampa dell’Università Ca’ Foscari – Nel periodo considerato, il contributo del traffico navale al pm2,5 è calato da 0,588 a 0,434 microgrammi per metro cubo, rappresentando il 3,5% del pm2,5 totale nel centro storico di Venezia”Dai risultati preliminari emerge che nel porto di Venezia, durante il periodo preso in esame, il traffico navale è aumentato, soprattutto i passaggi di navi ad alto tonnellaggio. Nello stesso periodo però la concentrazione delle polveri sottili è diminuita del 26%. Il merito? Secondo gli studiosi la causa è da ricercare nelle politiche di mitigazione dello zolfo come quelle sperimentate a Venezia su base volontaria grazie all’accordo Venice Blue Flag.

1 commento

  1. salve forse e vero per l’inquinamento ma inquinano molto meno dei vaporetti per trasporto pubblico anter fa parte di NWG e inutile dire altro una azienda di persone non affidabili che la meritocrazia che sbandierano non sta in casa loro ,invece di pensare all’inquinamento pensate all’economia di una fitta’ saluti silvano

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui