La Provincia di Siena sceglie l’e-mobility a base di energia pulita

La giunta provinciale supporterà lo sviluppo di prototipi di veicoli elettrici, alimentati con il surplus energetico proveniente dai suoi impianti rinnovabili

La Provincia di Siena sceglie l’e-mobility a base di energia pulita

 

(Rinnovabili.it) – La Provincia di Siena vanta un invidiabile primato in Italia: produce più elettricità verde di quella che riesce a consumare. Per poter sfruttare a pieno le sue fonti rinnovabili, la giunta provinciale è pronta a realizzare progetti sperimentali di mobilità sostenibile e di gestione energetica che facciano affidamento proprio su questo surplus d’energia pulita. A rendere tutto ciò possibile dal punto di vista pratico saranno le azioni delineate nel protocollo d’intesa firmato oggi con la Provincia di Pisa e con Apea e la società consortile Pont-Tech Pontedera & Tecnologia. L’accordo nasce con l’obiettivo di coniugare e integrare le esperienze promosse finora nei due territori provinciali nella valorizzazione delle energie rinnovabili ed in particolar modo sull’utilizzo dell’idrogeno prodotto da elettrolisi. “E’ proprio tale surplus di “energia pulita” – spiega in una nota stampa la Provincia di Siena – che ci si propone di utilizzare, sviluppando nuove tecnologie e modelli di mobilità sostenibile tesi a garantire una gestione energetica efficiente”. 

 

Nel dettaglio il protocollo prevede la sperimentazione di veicoli e infrastrutture a sostegno della mobilità sostenibile e della elettromobilità in linea con gli indirizzi green del Piano Regionale di Sviluppo 2011-2015 della Regione Toscana; inoltre i partner si dedicheranno alla realizzazione e valutazione di veicoli prototipali adatti allo spostamento spostamenti in aree urbane e centri storici, in aree come quelle aeroportuali, portuali e ospedaliere o in aree produttive ecologicamente attrezzate. Il terzo e ultimo ambito è la ricerca sui green process per la produzione di idrogeno e di composti connessi, da impiegare nella propulsione dei veicoli con un approccio di sostenibilità economica ed ecologica