Bus as a service, la soluzione innovativa per l’elettrificazione del TPL

L’offerta della smart mobility torinese cresce ancora grazie all’accordo tra Enel X e Cavourese Autoguidovie. 14 e-bus e stazioni di ricarica per fare il pieno ai mezzi acquistando solo i km necessari alle tratte.

Bus as a service

Una nuova era per la mobilità intelligente italiana

(Rinnovabili.it) – Se in Italia si parla di mobilità intelligente, il pensiero corre subito a Torino. Il capoluogo piemontese prima di altri ha accolto e sperimentato le nuove soluzioni della smart mobility, attirando progetti e iniziative avanguardia. Dal circuito urbano Smart Road, un percorso di circa 35 km dove testare la tecnologia di guida autonoma, al Techstars Smart Mobility Accelerator oggi evolutosi in Cities of the Future Techstars Accelerator,

A far progredire ulteriormente la città sull’asse dell’innovazione è oggi il progetto lanciato da Enel X in collaborazione con Cavourese Autoguidovie. L’iniziativa testerà per la prima volta in Italia la soluzione “Bus as a service”. Di cosa si tratta? Di un pacchetto di strumenti per elettrificare il trasporto pubblico urbano in maniera “intelligente”. Come tutti gli “as a service”, l’idea chiave è realizzare un nuovo modello di business per l’erogazione di servizi, in questo caso di quelli di trasporto, più flessibili, orientati alle esigenze dell’utente finale e correlati al cloud computing.

leggi anche MaaS: Hitachi Rail sperimenta a Genova la nuova frontiera della mobilità

Bus as a service, come funziona?

In questo caso il“Bus as a service” sviluppato da Enel X offre uno strumento per “mettere la spina” alla flotta di autobus urbani e ottimizzarne la gestione. “Elettrificare il trasporto pubblico locale non significa solo sostituire un mezzo termico con un mezzo elettrico, ma è un’occasione per ridisegnare la mobilità delle nostre città in una logica più smart e sostenibile”  spiega la business line innovativa del Gruppo Enel. “Oggi Enel X compie un passo molto importante realizzando per Cavourese portando in Italia il modello ‘bus as a service’ che offre ai partner e alle amministrazioni locali l’intera gamma di servizi innovativi necessari per elettrificare il parco mezzi del trasporto locale. Partiamo da Torino, una delle più importanti e moderne città del Paese, che grazie al nostro aiuto metterà a disposizione dei cittadini nuovi bus elettrici che garantiscono ottime prestazioni e zero impatto ambientale”.

Il progetto metterà in campo 14 e-bus e 9 stazioni di ricarica, con un’offerta energetica legata esclusivamente ai km percorsi. In altre parole i clienti acquisteranno i km elettrici necessari per coprire le tratte garantendo un’erogazione efficiente e sostenibile del servizio. Il modello prevede anche la dotazione e manutenzione dei mezzi, le stazioni di ricarica, le infrastrutture elettriche in cabina e a deposito, il software per il monitoraggio da remoto delle operazioni di ricarica per evitare picchi di consumo di energia, oltre che l’intero finanziamento degli investimenti. Cavourese impiegherà gli autobus a batteria lungo 8 tratte cittadine per un totale di  832mila km l’anno. “Siamo convinti che il nostro servizio  – dichiara Giovanni Tresoldi, Amministratore delegato di Cavourese – avrà da subito un impatto positivo non solo sul piano ambientale, ma su quelli economico e occupazionale creando le competenze tecniche che caratterizzeranno il comparto già nel prossimo futuro”. 

  

Articolo precedenteL’industria dell’auto trucca i dati sulle emissioni indirette
Articolo successivoNel nuovo Innovation Lab di Enel, AI e robotica applicate accelerano la transizione energetica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui