Una ricarica peer-to-peer per i veicoli elettrici

Da una ricerca statunitense arriva la proposta per un un nuovo approccio scalabile alla ricarica dei veicoli elettrici, in grado di eliminare la necessità di infrastrutture elaborate

ricarica peer-to-peer

(Rinnovaibili.it) – E se in futuro non troppo lontano la mobilità elettrica non condividesse solo i mezzi ma anche le ricariche? Parte da questa domanda la ricerca elaborata dal professore Tamzidul Hoque della School of Engineering dell’Università del Kansas. In collaborazione con i colleghi dell’Università della Florida, Hoque ha provato ad immaginare un nuovo sistema di ricarica peer-to-peer per permettere ai mezzi di fare “il pieno” durante la marcia.

La ricarica dei veicoli elettrici in movimento non rappresenta una novità tecnologica. Dai primi camion dotati pantografi alle bobine induttive nascoste sotto l’asfalto, il numero di progetti per il rifornimento dinamico continua a crescere. Un settore in cui si è cimentata anche l’Italia con l’Arena del Futuro, un anello di asfalto lungo 1.050 metri alimentato con una potenza elettrica di 1MW e dotato di “Dynamic Wireless Power Transfer”.

Ma il professor Hoque ha provato a compiere un ulteriore passo avanti immaginando un sistema in cui i mezzi possano condividere la carica tra loro durante la guida, abbinandoli a un programma di controllo basato sul cloud. “Quando più veicoli elettrici sono in viaggio, possono effettivamente condividere la carica tra loro durante la corsa. Non devono fermarsi per farlo”, ha affermato l’ingegnere e autore dell’articolo pubblicato su Scientific Reports. “Un’auto potrebbe avere una carica abbondante”, di cui non ha bisogno, “e potrebbe venderla ad un’altra auto. L’altra potrebbe così non doversi fermare per fare il pieno, accorciando il suo viaggio”.

Secondo i ricercatori, i veicoli verrebbero dotati di due diverse batterie: una principale agli ioni di litio come quelle già in commercio e una seconda di tipo fast-charging impiegata per ricarica peer-to-peer durante il viaggio e connessa alla prima.

“Nessuno vuole che le auto rimangano connesse per molto tempo perché una delle due potrebbe potrebbe dover cambiare percorso”, ha detto Hoque. “Ecco perché abbiamo sviluppato il concetto di batteria multilivello per ridurre i tempi di ricarica. Proprio come nel computer hai una memoria cache veloce e altri tipi di memorie ad alta capacità ma più lente”. Nelle aree ad alta densità, il team di ricerca propone di installare stazioni di ricarica mobili, su camion, in grado di caricare dinamicamente più veicoli contemporaneamente.

Articolo precedenteMilano, un edificio a emissioni zero per la nuova sede del Gruppo Cap
Articolo successivoPiccoli comuni, tesori da valorizzare incastonati nell’Italia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui