Automotive e clima: sarà scontro sui sussidi per la produzione?

BMW, Daimler, Fiat Chrysler e Jaguar Land Rover vogliono un piano europeo di stimoli per l’industria automobilistica, che si applichi alla produzione di vencoli Euro 6d.

L’industria dell’auto chiede all’UE sussidi per la produzione, ma con poche garanzie sulla riduzione delle emissioni

(Rinnovabili.it) – Le maggiori case automobilistiche europee stanno negoziando con l’UE un piano di sussidi per la produzione con lo scopo di far crescere la domanda di nuovi veicoli. Se, da una parte, le aziende sottolineano che ciò aiuterebbe a mantenere i posti di lavoro attuali nel settore dell’auto, molti osservatori e associazioni temono che, se non fossero imposte restrizioni sulle emissioni, lo stimolo potrebbe favorire attività inquinanti.

Gli amministratori delegati delle case automobilistiche europee tra cui BMW, Daimler, Fiat Chrysler e Jaguar Land Rover hanno discusso dei piani con Frans Timmermans, vicepresidente della Commissione Europea e responsabile del Green Deal. Nello specifico, le società dell’automotive fanno pressione affinché venga stilato un programma europeo di sussidi per la produzione, parzialmente finanziato dal bilancio dell’UE.

Leggi anche Industria automobilistica: le lobby chiedono una deroga sulla CO2

L’AD di BMW, Oliver Zipse, ha già pubblicamente chiesto sussidi per la produzione da applicare a tutti i tradizionali motori a combustione interna, nonché alle auto a batteria e agli ibridi. I produttori di automobili, inoltre, puntano ad un’azione coordinata tra i paesi dell’UE per evitare distorsioni del mercato interno, cercando di ottenere stimoli per la produzione di auto che soddisfino lo standard Euro 6d.

Tuttavia, molti gruppi ambientalisti hanno affermato che concedere sussidi per la produzione di tutte le auto sarebbe un’occasione mancata per promuovere un recupero ecologico e aiutare le case automobilistiche a spostarsi verso una mobilità pulita. “Solo i veicoli elettrici, piccoli e leggeri dovrebbero essere ammissibili”, ha dichiarato Lorelei Limousin, attivista per il clima e l’energia di Greenpeace. “Qualsiasi sostegno finanziario per l’industria automobilistica dovrebbe essere subordinato a misure concrete per porre fine al crescente impatto sul clima e sulla nostra salute.

Leggi anche Veicoli elettrici: quale destino dopo la pandemia?

Negli ultimi mesi, un aumento della produzione di SUV ha comportato una crescita delle emissioni medie delle auto, anche se i motori a combustione sono diventati molto più efficienti. “Dobbiamo incoraggiare le case automobilistiche a fare un salto di qualità”, ha dichiarato Pascal Canfin, eurodeputato francese del gruppo Renew Europe, “e il piano di sussidi per la produzione non dovrebbe commettere lo stesso errore fatto dopo la crisi finanziaria del 2009, quando abbiamo reinvestito nell’economia ma ignorato la crisi ambientale. Abbiamo perso un decennio. Oggi non abbiamo più tempo da perdere.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui