I tir elettrici in Europa sono davvero convenienti?

Secondo Transport & Environment, basterebbe elettrificare i 25.000 km che compongono le principali arterie autostradali trans-europee per iniziare la diffusione su larga scala del camion elettrico

Tir elettrici: convenienti in UE con soli 190 mln di investimenti
Foto di jwvein da Pixabay

Il rapporto di T&E sugli scenari di diffusione dei tir elettrici

(Rinnovabili.it) – Un investimento di 190 milioni di euro per dare una sterzata decisa verso la decarbonizzazione dei trasporti. Secondo la ong Transport & Environment basterebbe questa cifra, che è pari ad appena lo 0,2% di quanto l’Europa spende ogni anno nelle infrastrutture per i trasporti, per rendere convenienti i tir elettrici.

Come? Questo denaro dovrebbe essere speso per installare punti di ricarica lungo le principali arterie stradali del continente. A essere elettrificati dovrebbero essere i circa 25.000 km di autostrade che compongono il Trans-European Transport Network. “Elettrificare il trasporto su tir a lungo raggio non è più un sogno irrealizzabile. La tecnologia è disponibile e non passerà molto tempo prima che non sia solo più pulita del diesel, ma anche più conveniente”, afferma Simon Suzan di T&E. “Ma per decollare, l’Europa deve investire in infrastrutture di ricarica sia sulle principali autostrade che sugli hub del trasporto. Ciò costerebbe solo una frazione della spesa nei trasporti dell’UE”.

Leggi anche Tir elettrici, sono un’opzione con la ricarica superveloce

Il dossier spiega con dovizia di dati perché questa scelta sarebbe particolarmente conveniente. In generale, contribuire alla decarbonizzazione dei trasporti pesanti a lungo raggio abbatterebbe il 20% delle emissioni generate dai tir. I viaggi superiori ai 400 km, infatti, sono solo il 5% degli spostamenti complessivi sulle strade europee, ma rappresentano ben il 40% dei movimenti di tir.

Una quota importante. Ma perché non puntare sui camion a idrogeno? Secondo T&E, i tir alimentati da fuel cell a H2 arriveranno sulle strade solo nella seconda metà di questo decennio. E hanno un altro collo di bottiglia: ci si aspetta che vengano impiegati soprattutto in prossimità di porti o agglomerati industriali, in modo da sfruttare in modo sinergico altre applicazioni del vettore energetico in loco. Al contrario, i tir elettrici arriveranno sul mercato prima del 2025 e potrebbero rappresentare l’opzione migliore dal punto di vista dei costi.

Leggi anche Decarbonizzare il trasporto merci su strada: l’Ecta chiede camion 0 emissioni

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui