• Articolo Londra, 24 ottobre 2012
  • Un'indagine del Global Disclosure Project

    Acqua: lo stress idrico minaccia le aziende

  • La maggior parte delle società soffrono la scarsità di acqua e temono che questo possa compromettere i propri affari. I numeri nel rapporto del CDP

(Rinnovabili.it) – Oltre la metà delle società mondiali di grandi dimensioni si trova nella delicata condizione definita di “stress idrico”. Nonostante la consapevolezza però, le stesse aziende non riescono a mettere in piedi un adeguato programma di gestione razionale della risorsa come rivelato dal Carbon Disclosure Project (CDP).

 

In un rapporto pubblicato ieri in collaborazione con Deloitte, il CDP rivela il 53 per cento delle 185 aziende che fanno parte del Global 500 e partecipanti al sondaggio hanno esperienza legate alle sfide nel settore idrico e si trovano ad affrontarne la scarsità, le inondazioni, l’aumento dei costi di conformità, l’incertezza normativa e la cattiva qualità dell’acqua nei cinque anni passati – rispetto al 38 per cento calcolato nel 2011.

Il gruppo ha scoperto inoltre che il 68 per cento degli intervistati vede l’acqua come un “rischio sostanziale” per il loro business, rispetto al 59 per cento dell’anno precedente. Inoltre, il 79 per cento ha individuato opportunità commerciali nell’avere una strategia efficace di gestione delle acque, con la possibilità di ottenere un miglioramento sostanziale nella loro attività entro i prossimi cinque anni. Ma il numero di aziende con obiettivi concreti in settori quali l’efficienza idrica e il miglioramento della qualità è passata al 55 per cento dal 57 per cento dello scorso anno.

 

“Gli imprenditori globali, in particolare facenti parte del Global 500, devono capire il loro valore a rischio relativo alle tematiche legate all’acqua e attuare piani strategici per contribuire a mitigare questi rischi”, ha detto William Sarni, direttore e leader operativo della strategia idrica alla Deloitte Consulting LLP. “L’aumento della concorrenza per l’acqua, una risorsa finita e insostituibile, richiede un’azione rapida adesso.”

 

Il rapporto arriva nella stessa settimana in uno studio KMPG rivelato solo un terzo dei più grandi del mondo 250 aziende hanno divulgato i dati Impronta d’acqua sulle loro operazioni .