• Articolo Monza, 15 marzo 2013
  • Da un’elaborazione della Camera di commercio di Monza e Brianza

    A Monza si vive green

  • Acqua potabile, raccolta differenziata e veicoli ecocompatibili: il capoluogo di provincia lombardo è il più virtuoso d’Italia

Monza green (foto di www.stile.it)(Rinnovabili.it) – Gli abitanti con lo stile di vita più “green” d’Italia? Sono i monzesi, grazie ad un consapevole uso dell’acqua, all’attenzione per la raccolta differenziata e all’acquisto di veicoli a basso impatto ambientale.

I dati parlano chiaro: considerando i principali indicatori urbani relativi al 2011, di media ogni abitante consuma al giorno 137,9 litri di acqua, contro i 175,4 litri degli altri capoluoghi di provincia italiani. La percentuale media di raccolta differenziata si attesta al 60,1% e il tasso di motorizzazione dei veicoli Euro 4 ed Euro 5 è sensibilmente più alto rispetto ad alte grandi città (327,7 auto ogni mille abitanti contro una media di 287,9). E’ quanto emerge da una elaborazione dell’Ufficio studi della Camera di commercio di Monza e Brianza su dati Istat.

Proprio ieri a Monza si è parlato di ambiente e normative ambientali in occasione del Seminario MUD 2013, che ha illustrato tutte le novità relative alle nuove disposizioni e adempimenti per la presentazione della comunicazione. Il MUD è il modello unico di dichiarazione ambientale relativo alla produzione, al trasporto, all’intermediazione, al recupero e allo smaltimento di tutti i rifiuti pericolosi e di alcune tipologie di rifiuti non pericolosi.

I rifiuti speciali gestiti in Lombardia ammontano complessivamente ad oltre 26 milioni di tonnellate tra operazioni di smaltimento e recupero, pari al 20% circa del totale italiano (dati del 2009). La produzione regionale di rifiuti speciali pericolosi riguarda principalmente i comparti della produzione di metalli e leghe, il settore dell’industria chimica, del legno e della carta stampata.