• Articolo Bologna, 15 settembre 2015
  • Le dichiarazioni del ministro durante un convegno a Bologna

    Galletti: ok alla proroga dell’Ecobonus

  • L’Ecobonus 65% sarà prorogato, secondo quanto affermato dal ministro dell’Ambiente. Ha generato 28 miliardi di investimenti nel 2014

proroga ecobonus

 

(Rinnovabili.it) – Habemus Ecobonus. L’annuncio di proroga è arrivato per bocca del ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, durante l’apertura dei lavori del convegno “L’ingegneria per l’Ambiente e il territorio e le nuove sfide della sostenibilità”, tenutosi a Bologna presso la Scuola di Ingegneria e Architettura dell’Alma Mater.

«Il governo sta improntando un piano industriale per contrastare i cambiamenti climatici – ha detto Galletti – all’interno del quale ci sono provvedimenti che verranno reiterati, come ad esempio l’Ecobonus, per fare in modo che l’efficientamento energetico possa sempre aumentare nelle nostre città. Accanto a questo, ci saranno altre novità che presenteremo nei prossimi giorni».

 

proroga ecobonus 2Secondo il ministro «siamo di fronte a cambiamenti climatici ormai evidenti. Non a caso, questa è stata l’estate più calda della storia recente. Vi è il bisogno di rivedere tutta la progettazione delle opere, che rischia di non essere più sufficiente».

Segnali positivi di una possibile proroga erano arrivati nei giorni scorsi dal sottosegretario all’economia Pier Paolo Baretta: la dichiarazione di Galletti conferma dunque le attese: l’Ecobonus 65%, per il momento, verrà stabilizzato.

Dall’anno dell’introduzione dell’agevolazione fino al 31 dicembre 2014, infatti, le domande per ottenere la detrazione IRPEF sui lavori di retrofit edilizio sono state ben 2.258.849 e i bonus riconosciuti pari a 26,099 miliardi di euro. Tali incentivi, sommati a quelli erogati per le ristrutturazioni (l’ecobonus del 50%) hanno generato lo scorso anno investimenti per un ammontare complessivo di 28,4 miliardi di euro. Parliamo di una cifra pari a quasi 2 punti di PIL. In assenza di proroghe questa misura fiscale sarebbe scaduta il 31 dicembre 2015.

 

A mettere pressione al Governo era stata, prima dell’estate, una mozione firmata da 16 Senatori, (primo firmatario Salvatore Tomaselli) in cui si chiedeva, oltre alla stabilizzazione per il 2016, di rimodulare i tempi di erogazione dell’incentivo. Secondo i proponenti, l’Ecobonus dovrebbe essere esteso anche alla costruzione di edifici nuovi, a patto che vengano realizzati secondo i dettami della bio-edilizia o seguendo il principio UE di energia zero. Infine, la mozione richiede di promuovere su tutti i media nazionali la normativa sugli Ecobonus.

2 Commenti

  1. Fabrizio Mezzoprete
    Posted settembre 30, 2015 at 10:30 am

    Sarebbe auspicabile anche la proroga del bonus fiscale per le ristrutturazioni che molto spesso va di pari passo con quello energetico ed ha dato stimolo anche a molti piccoli cantieri e quindi all’economia nel corso del 2014

    • Dc
      Posted ottobre 4, 2015 at 11:44 am

      Quoto, ma con quei controlli che pur minimi ci sono nel 65%.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *