• Articolo Taranto, 2 luglio 2015
  • Eolico marino, sbloccato a Taranto il 1° impianto mediterraneo

  • Il Consiglio di Stato respinge il ricorso contro la sentenza del Tar Puglia del Comune di Taranto, contrario al parco eolico della Beleolico assieme a Regione e Soprintendenza

 

Eolico marino, sbloccato a Taranto il 1° impianto mediterraneo

 

(Rinnovabili.it) – Via libera al primo impianto di eolico marino del Mediterraneo. Con una recente sentenza il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso del Comune di Taranto contro la fattoria eolica near shore (a circa 100 metri dalla costa) della Beleolico.

La vicenda ha origini lontane nel tempo, dal momento che il progetto era stato presentato nel 2008; a luglio 2012 aveva ottenuto parere positivo per la Via e la Vas da parte del ministero dell’Ambiente, respingendo il parere negativo allora presentato dalla Regione Puglia assieme alla Soprintendenza dei beni paesaggistici. Si era quindi fatto avanti il Comune di Taranto, anch’esso contrario alla wind farm, che aveva presentato ricorso al TAR di Lecce adottando, tra le motivazioni, l’illegittimità del provvedimento. Ricorso bocciato dal tribunale regionale pugliese con la conferma ora in secondo grado da Palazzo Spada; il Consiglio di Stato, infatti, ha respinto il ricorso del Comune contro la sentenza del Tar, sbloccando così l’iter di questo progetto da 63 milioni di euro.

 

A regime la centrale conterà dieci aerogeneratori posti su torri alte 110 metri, della potenza complessiva di 30 MW e sarà situata tra punta Rondinella e la foce del fiume Tara, a sette chilometri dal centro del comune in un’area che è al di fuori dei siti di interesse nazionale o comunitario così come dalle zone protezione speciale; un cavo sottomarino lungo circa due chilometri trasporterà l’energia prodotta sulla terra ferma, energia che dovrebbe essere sufficiente a rende il porto di Taranto energicamente autosufficiente. E come ha ricordato solo qualche giorno fa Legambiente non si tratta neppure dell’unico impianto di eolico marino progettato per le acque pugliesi. All’attivo risultano essere state presentate, e bloccate, altre sei  wind farm nel Golfo di Manfredonia, a Campomarino, a largo di San Pietro Vernotico e a Tricase nelle cui acque si sarebbe dovuto istallare un impianto eolico sperimentale galleggiante.

2 Commenti

  1. Antonio Del Zotto
    Posted luglio 20, 2015 at 12:15 pm

    Come al solito, d’uso comune, si pensa solo al passato senza tener conto delle innovazioni tecnologiche che possono aiutare l’Italia a importre meno energia e combustibili fossili!
    Ben vengano anche tutti gli altri impianti eolici marini nel mediterraneo; perché per la burocrazia, a volte soggettiva, dobbiamo solo guardare a cosa fanno negli altri Paesi?

  2. Mario Franceschetti
    Posted luglio 21, 2015 at 7:03 pm

    Sono felice per questa sentenza, spero che se costruiscano altri per contrastare l’effetto serra, le importazioni di combustibili clima alteranti, risparmio economico x l’Italia e quindi per i cittadini.
    Mi auguro che si sblocchino anche su terra molte azioni contrarie all’eolico. Ho sostenuto l’eolico come presidente di Italia Nostra della sezione di Gubbio anche contro il parere dell’associazione.
    Buon vento e auguri ing. Mario Franceschetti

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *