• Articolo Instanbul, 1 luglio 2013
  • Il progetto ha vinto il premio di 50.000 dollari di “Science in Action”

    Bioplastica dalle bucce di banana, un lavoro per piccoli geni

  • A soli 16 anni una giovane studentessa turca mette a punto un processo per creare polimeri d’alto valore a partire dalle bucce di banana

Bioplastica dalle bucce di banana, un lavoro per piccoli geni(Rinnovabili.it) – L’età non conta quando sei un  genio e con le tue idee hai la possibilità di cambiare il paradigma della moderna società di consumo. Elif Bilgin è una giovane studentessa turca che nonostante i suoi soli 16 anni è riuscita ad mettere a punto un metodo per usare le bucce di banana come materia prima nella produzione della bioplastica, in un esperimento dall’enorme valore tecnologico ed ambientale.

 

Elif ha passato ben due anni a studiare a perfezionare una tecnica  per ottenere polimeri funzionali a partire da questo scarto alimentare; nel dettaglio, il processo richiede il pretrattamento delle bucce con una soluzione di bisolfito di sodio, una fase di bollitura e quindi una di miscelazione con piccole quantità di glicerina, soda caustica e acido cloridrico. I suoi sforzi sono stati ripagati quando la Scientific American l’ha proclamata vincitrice  del suo premio “Science in Action” di 50.000 dollari trampolino di lancio per la Fiera della scienza di Google (Google Science Fair), la competizione scientifica online rivolta alle giovani menti curiose, tra i 13 e i 18 anni, provenienti dai quattro angoli del mondo.

 

“Per me, questo significa che il mio progetto in realtà possiede il potenziale per essere una soluzione al crescente problema dell’inquinamento causato dalla plastica a base di petrolio”, ha commentato la Bilgin, che annovera la premio Nobel Marie Curie tra i suoi eroi. “Significa anche che ha dato il via al processo per cambiare il mondo, il che mi fa sentire come se avessi già vinto”. Inoltre la giovane studentessa di Istanbul ha scoperto che gli amidi e la cellulosa contenuti nella buccia possono essere utilizzati  anche per creare materiali che isolano i fili e formano protesi mediche.