• Articolo Roma, 8 settembre 2017
  • La nuova vita dei mozziconi di sigarette? Dentro l’asfalto

  • I mozziconi di sigarette sono tossici per l’ambiente. Incapsulandoli nell’asfalto si intrappolano i prodotti chimici contenuti nei filtri, migliorando le prestazioni del materiale

mozziconi di sigarette

 

(Rinnovabili.it) – Un uomo abbassa il finestrino e lancia un mozzicone di sigaretta sulla strada. È l’immagine per eccellenza dell’inciviltà e della mancanza di rispetto per l’ambiente. Eppure, se quel mozzicone invece di finire sull’asfalto ci finisse dentro, allora qui si potrebbe avere uno dei migliori esempi di economia circolare.

 

Migliaia di miliardi di sigarette vengono spente ogni anno in tutto il mondo, e la maggior parte finisce dispersa nell’ambiente. Un danno enorme per l’ecosistema, considerato che ci vogliono anni per degradarsi, mentre il loro carico chimico tossico viene rilasciato nel suolo e nelle acque. Ora un team dell’Università di Melbourne, in Australia, ha dimostrato che questo tipo di rifiuto può essere riutilizzato nei composti per l’asfalto come riduttore della conduttività termica. Un modo per risolvere un grosso problema di gestione della spazzatura e, al contempo, ridurre l’effetto “isola di calore” nelle aree urbane cittadine.

 

“Per anni ho tentato di trovare metodi sostenibili per risolvere il problema dell’inquinamento da mozziconi di sigarette – spiega Abbas Mohajerani, lo scienziato a capo del team di ricerca, citato da Science Daily – In questo studio, abbiamo incapsulato i mozziconi con bitume e paraffina per evitare la dispersione delle sostanze chimiche, poi li abbiamo mischiati con asfalto caldo per creare dei campioni.”

 

I mozziconi di sigarette incapsulati – continua Mohajerani – potranno diventare un nuovo materiale da costruzione che può essere utilizzato in applicazioni diverse e prodotti compositi leggeri. Questa ricerca dimostra che è possibile creare un nuovo materiale utile in diversi settori sbarazzandosi al contempo di un enorme problema di rifiuti”

 

Ogni anno, i rifiuti derivanti dalle sigarette ammontano a oltre 1,2 milioni di tonnellate. Numeri destinati a crescere di oltre il 50 per cento entro il 2025, soprattutto a causa dell’aumento della popolazione mondiale.

“I filtri per le sigarette sono progettati per bloccare centinaia di sostanze chimiche tossiche e gli unici modi per controllare queste sostanze chimiche sono sia mediante l’incapsulamento per la produzione di nuovi aggregati leggeri o attraverso l’incorporazione in mattoni di argilla cotti”, conclude Mohajerani.

 

 

3 Commenti

  1. Danilo Freiles
    Posted settembre 19, 2017 at 10:19 am

    E che fine fa l’asfalto deteriorato? Stiamo solo posticipando il problema.
    Per produrre meno rifiuti è sufficiente non comprarli. Bisogna evitare che la barca venga bucata, non installare fontane per sfruttare l’acqua che entra nella barca che sta affondando.

    ECONOMIA CIRCOLARE?! MA STIAMO SCHERZANDO!?

  2. francesco
    Posted dicembre 6, 2018 at 5:29 pm

    sono rimasto molto colpito dal riciclo dei mozziconi, tanto che vorrei mettere in atto la raccolta dei mozziconi nella mia città ,per poi poterli trasformare in mattoni o in altro materiale se mi poteteaiutare in questa mia avventura.grazie

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *