UE, cibo: presentata la nuova strategia Farm to Fork

La nuova politica alimentare europea nasce come uno dei pilastri del Green Deal, ma è anche un elemento centrale del piano di ripresa dell’eurozona.

Farm to Fork si concentra sulla riduzione dei pesticidi e la diffusione di un’agricoltura sostenibile

(Rinnovabili.it) – Dopo diversi ritardi, dovuti anche alla pandemia di covid-19, è stata pubblicata la nuova politica alimentare dell’UE, Farm to Fork (F2F), confermando l’aspirazione della Commissione Europea di voler trasformare il modo in cui l’eurozona produce, distribuisce e consuma il cibo, rendendo il sistema alimentare europeo uno standard globale per la sostenibilità.

I principali obiettivi di Farm to Fork sono una riduzione del 50% dell’uso di pesticidi, una riduzione del 50% di pesticidi altamente pericolosi, una riduzione del 20% nell’uso di fertilizzanti e una riduzione del 50% dell’uso di antibiotici in agricoltura e acquacoltura, il tutto entro il 2030 e rispetto all’attuale livello dell’UE. Ma non solo. F2F si impegna a dedicare il 25% delle terre agricole dell’UE all’agricoltura biologica, triplicando il tasso di conversione annuale.

Leggi anche EEA: agricoltura e allevamento rischiano di sparire dal Sud Europa

Infatti, secondo il commissario per l’Ambiente, il lituano Virginijus Sinkevičius, grazie alla riduzione dell’uso di pesticidi chimici sarà possibile aiutare gli agricoltori a convertire la propria attività in pratiche agroecologiche. “I nostri obiettivi sono ambiziosi ma realistici”, ha dichiarato la commissaria europea per la salute e la sicurezza alimentare, Stella Kyriakides.

Farm to Fork nasce come uno dei pilastri del Green Deal europeo ma, come ha dichiarato lo stesso Frans Timmermas, vicepresidente dell’esecutivo UE, la strategia è anche “un elemento centrale del piano di ripresa dell’eurozona, creando opportunità economiche e di investimento immediate per ripristinare l’economia europea attraverso un valore economico di oltre 1,8 miliardi di miliardi di euro.

Leggi anche Ripresa verde UE: dentro anche eco-mobilità e circular economy

Inoltre, considerando anche la lezione imparata a causa delll’emergenza coronavirus, la politica alimentare dell’UE mira a spianare la strada per creare unsistema alimentare solido e resistente che continui a funzionare in tutte le circostanze, in grado di garantire l’accesso a un approvvigionamento sufficiente di alimenti a prezzi accessibili per i cittadini, ha sottolineato Timmermans.

Tra le azioni concrete, si prevede anche di affrontare il problema dello spreco alimentare, intensificare la lotta contro la frode alimentare e rafforzare le norme dell’UE in materia di benessere degli animali, nonché fornire informazioni chiare ai consumatori grazie alla definizione di uno standard europeo per l’etichettatura degli alimenti.

Leggi anche Benessere animale: occorrono restrizioni sul trasporto animale

Tuttavia, secondo una fonte di Euractiv vicina alla Commissione, Farm to Fork rappresenta ancora “una visione”, e gli obiettivi non sono direttamente ancorati o collegati nella legislazione europea. Nello specifico, si tratta di obiettivi aspirazionali, che verranno sviluppati nel tempo e poi tradotti in obiettivi legislativi dettagliati, tenendo anche conto dei diversi punti di partenza di ciascuno Stato membro.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA STRATEGIA “FARM TO FORK” (.pdf)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui