Food Price Index, nel 2022 è aumentato su base annua

Il Food Price Index misura la variazione mensile dei prezzi internazionali del paniere di prodotti alimentari. L’oscillazione dei prezzi dipende da fattori diversi: dalle tensioni globali alle calamità naturali che incidono sulla resa agricola

Image by Peggy cci from Pixabay

Il Food Price Index della FAO (FFPI, indice dei prezzi dei prodotti alimentari) misura la variazione mensile dei prezzi internazionali del paniere di prodotti alimentari che comprende carne, prodotti lattiero-caseari, cereali, oli vegetali e zucchero.

Il FFPI dei prezzi alimentari ha continuato a scendere nel mese di dicembre, ma su base annua è aumentato.

Il calo dell’Indice registrato a dicembre è stato determinato da un forte calo dei prezzi internazionali degli oli vegetali, insieme ad alcuni cali dei prezzi dei cereali e della carne, ma parzialmente controbilanciato da moderati aumenti di quelli dello zucchero e dei prodotti lattiero-caseari.

L’oscillazione del Food Price Index è determinata dai prezzi del mercato che a loro volta dipendono dalle situazioni globali, comprese quelle climatiche.

Ovviamente, quando si è in presenza di eventi fortemente destabilizzanti come nel caso della guerra in Ucraina (che ha avuto ripercussioni globali sulle forniture dei beni alimentari di prima necessità) l’altalena accelera e i prezzi si impennano.

Ad esempio, l’aumento del Food Price Index della FAO dei prezzi dei cereali nel 2022 è dovuto a una serie di fattori, tra cui significative perturbazioni del mercato, maggiori incertezze, maggiori costi energetici e di input, condizioni meteorologiche avverse in alcuni fornitori chiave e continua crescita della domanda alimentare globale.

Cereali

I prezzi delle esportazioni di grano sono diminuiti a dicembre, poiché i raccolti in corso nell’emisfero meridionale hanno aumentato le forniture e la concorrenza tra gli esportatori è rimasta forte.

Anche i prezzi mondiali del mais sono diminuiti di mese in mese, principalmente a causa della forte concorrenza del Brasile, sebbene le preoccupazioni per la siccità in Argentina abbiano fornito un certo supporto.  

Influenzati dalle ricadute dei mercati del mais e del grano, anche i prezzi mondiali del sorgo e dell’orzo sono diminuiti.

Al contrario, gli acquisti da parte di acquirenti asiatici e gli apprezzamenti valutari rispetto al dollaro statunitense in alcuni paesi esportatori hanno mantenuto i prezzi internazionali del riso in aumento a dicembre.

Leggi anche Food Price Index, le variazioni dei prezzi dei prodotti alimentari

Oli vegetali

La diminuzione del Food Price Index degli oli vegetali a dicembre è stata trainata da quotazioni internazionali più basse per gli oli di palma, soia, colza e semi di girasole.

I prezzi mondiali dell’olio di palma sono diminuiti di quasi il 5% dopo una ripresa di breve durata nel mese precedente, sostenuta principalmente da una debole domanda globale di importazioni, nonostante le minori produzioni nei principali paesi produttori di olio di palma a causa delle piogge eccessive.

I prezzi mondiali dell’olio di soia sono diminuiti notevolmente, in gran parte a causa delle prospettive positive di un aumento stagionale della produzione in Sud America.

Per quanto riguarda gli oli di colza e di girasole, i prezzi internazionali sono diminuiti a causa, rispettivamente, dell’ampia offerta mondiale e della modesta domanda di importazioni, in particolare dall’Unione Europea.

Anche i prezzi più bassi del petrolio greggio hanno esercitato una pressione al ribasso sulle quotazioni mondiali degli oli vegetali.

Prodotti lattiero-caseari

A dicembre i prezzi internazionali dei formaggi sono aumentati, soprattutto a causa della domanda globale di importazioni e una disponibilità di esportazione leggermente più ristretta a fronte di elevate vendite interne al dettaglio e del settore dei servizi, in particolare nell’Europa occidentale.

Il Food Price Index del burro è diminuito per il sesto mese consecutivo, sostenuti dalla persistente debolezza della domanda globale di importazioni e dalla disponibilità di scorte interne adeguate a coprire il fabbisogno a breve termine.

I prezzi internazionali del latte in polvere sono leggermente diminuiti, poiché i prezzi più bassi in Europa occidentale, trainati principalmente da una domanda debole, hanno superato gli aumenti delle quotazioni delle forniture dall’Oceania, riflettendo principalmente gli acquisti attivi dal sud-est asiatico e i movimenti valutari.

Carne

Il calo del Food Price Index a dicembre è stato determinato dal calo dei prezzi mondiali delle carni bovine e avicole, parzialmente controbilanciato dall’aumento dei prezzi delle carni suine e ovine.

I prezzi internazionali della carne bovina sono diminuiti, sotto la pressione di una maggiore offerta di bovini da macello in diversi grandi paesi produttori e della scarsa domanda globale di forniture a medio termine.

I prezzi del pollame sono diminuiti, poiché le disponibilità di esportazione sono state più che adeguate a soddisfare la domanda di importazioni di forniture spot, nonostante le battute d’arresto della produzione dovute all’intensificarsi delle epidemie di influenza aviaria.

I prezzi mondiali della carne suina sono aumentati, sostenuti da una solida domanda interna prenatalizia, soprattutto in Europa, mentre i prezzi della carne ovina sono aumentati a causa dei movimenti valutari.

Leggi anche I prezzi aumentano e le produzioni diminuiscono per la siccità

Zucchero

L’aumento delle quotazioni internazionali dei prezzi dello zucchero è stato principalmente legato alle preoccupazioni per l’impatto delle condizioni meteorologiche avverse sui raccolti in India (che è il secondo produttore mondiale di zucchero) e ai ritardi nella frantumazione della canna da zucchero in Tailandia e Australia.

Articolo precedentePNRR e incentivi al biometano: approvate le regole tecniche
Articolo successivoSmaltimento pale eoliche: Continuum realizzerà in Europa 6 impianti di riciclo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui