I lobbisti dell’agribusiness allungano le mani sulla politica agricola comune

Alla riunione dell’Agrifish del 15 giugno i ministri europei dell’agricoltura hanno invitato a parlare solo i rappresentanti di Copa-Cogeca, il sindacato europeo che fa gli interessi delle grandi aziende

Politica agricola comune: l’UE ascolta solo l’agribusiness
Foto di Gerhard G. da Pixabay

Mentre si prepara il nuovo round di negoziati sulla riforma della Pac

(Rinnovabili.it) – Dopo la Caporetto di fine maggio, i negoziati sulla riforma della politica agricola comune ripartono con il piede sbagliato. La nuova Pac vale un terzo del bilancio dell’Unione Europea ma i paesi membri scelgono di dare un ruolo privilegiato a chi rappresenta gli interessi delle grandi aziende agricole.

Il 15 giugno si è tenuta la riunione dell’Agrifish, con la riforma della Pac al primo punto in agenda. Una riunione informale e a porte chiuse, alla quale i ministri dell’agricoltura dei Ventisette hanno pensato di invitare il Copa-Cogeca, il grande sindacato europeo che cura gli interessi dell’agribusiness. E che porta avanti una sistematica azione di lobbying che, finora, ha avuto i risultati sperati.

Leggi anche Fumata nera sulla riforma della Pac: Bruxelles ci riprova a giugno

Il sindacato è uno dei maggiori sponsor di una politica agricola comune che non si distanzi troppo da quella passata. Soprattutto sugli aspetti più delicati. Copa-Cogeca è contrario soprattutto all’introduzione di un tetto massimo ai sussidi che possono ricevere le aziende. Una misura che permetterebbe di correggere la stortura più evidente della vecchia Pac: dati alla mano, l’80% dei fondi è finito nelle tasche del 20% di aziende più grandi, alimentando così un modello poco sostenibile di agricoltura.

Il commissario per l’agricoltura, il polacco Janusz Wojciechowski, si è difeso dicendo che “analizziamo tutti i segnali degli agricoltori e teniamo conto della posizione di tutte le organizzazioni di agricoltori”. Resta il fatto che all’Agrifish la voce ascoltata è stata una sola, anche se – come sottolinea il Commissario – il Copa-Cogeca ha partecipato solo alla prima parte della riunione.

Leggi anche Nuova proposta sugli ecoschemi, riparte il dialogo sulla riforma della Pac

Facile immaginare che il Consiglio non cambierà molto la sua posizione quando dovrà sedersi di nuovo al tavolo con l’europarlamento. Nell’ultimo round tutto è collassato perché il Consiglio non ha voluto nemmeno parlare di compromessi e ha avanzato delle controproposte che, ai negoziatori per il parlamento europeo, sono sembrate “un insulto”. Tra i nodi al centro del dibattito, oltre al tetto massimo (meccanismo di capping), anche la fisionomia degli ecoschemi e la condizionalità sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui