La rinaturalizzazione migliora la resa agricola (e la biodiversità)

Lo studio in campo più completo mai condotto finora, durato 10 anni, certifica i benefici di riservare parti di suolo agricolo al sostegno degli habitat per la fauna selvatica. In un decennio raddoppiate le popolazioni di farfalle, quasi triplicate quelle di uccelli. E la produttività agricola resta invariata anche se diminuisce il suolo coltivato

Rinaturalizzazione: studio UK, in 10 anni aumentano resa e biodiversità
Foto di Gerhard da Pixabay

Rinaturalizzazione e sicurezza alimentare non sono in contraddizione

(Rinnovabili.it) – Quest’anno l’Ue ha deciso di sospendere l’obbligo di messa a riposo di parte dei terreni agricoli per aumentare la produzione di cereali e compensare l’ammanco dovuto alla guerra in Ucraina. Una mossa fortemente voluta dalle associazioni di categoria, che va però contro la tutela degli ecosistemi e la biodiversità in nome della sicurezza alimentare. Eppure, rinaturalizzazione e food security non si escludono affatto a vicenda: al contrario, rafforzare la diversità biologica è il modo migliore per far crescere la produttività dei terreni.

È il risultato di uno studio condotto dal Centre for Ecology and Hydrology britannico e durato 10 anni, il più completo e accurato in fatto di rinaturalizzazione. I ricercatori hanno lavorato 1.000 ettari di terra a Hillesden, nel Buckinghamshire, a partire dal 2005, creando diversi habitat per la fauna selvatica, tra cui piante da seme per gli uccelli, fiori selvatici per gli impollinatori e strisce marginali di ciuffi d’erba per sostenere una serie di uccelli, insetti e piccoli mammiferi.

Leggi anche Il declino degli uccelli europei: in 40 anni scomparso 1/6 dell’avifauna

Rispetto ad altre parcelle di terra agricola comparabili, la maggior parte delle specie animali e vegetali di Hillesden ha proliferato meglio. Le popolazioni di uccelli sono cresciute del 30% in 10 anni, rispetto al 13% ottenuto in siti comparabili dove non viene praticata l’agricoltura sostenibile. Risultati simili anche per importanti impollinatori come le farfalle: l’aumento è del 40% contro il 21% medio riscontrato altrove. E nonostante la perdita di superficie agricola coltivabile per far spazio a zone di rinaturalizzazione, la resa è stata mantenuta sui livelli precedenti all’esperimento, e per alcuni cereali è persino aumentata.

“Hillesden è una tipica azienda agricola a seminativi di grandi dimensioni con pratiche agricole convenzionali, in un paesaggio ordinario senza grandi macchie di habitat naturale. Pertanto, è probabile che i risultati del nostro studio a lungo termine indichino ciò che si può ottenere in altre aziende agricole commerciali con una buona pianificazione, attuazione e gestione delle misure agroambientali”, commenta John Redhead, prima firma dello studio.

Leggi anche Regole della PAC: le deroghe ai GAEC prolungate di 1 anno

Articolo precedenteLa Grande barriera corallina ha resistito al 4° sbiancamento di massa in 6 anni
Articolo successivoBayWa r.e. ed Elicio si prequalificano nel bando di gara per eolico offshore nel Mar Mediterraneo in Francia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui