Cambiamento climatico: la scarsità d’acqua colpisce 3 miliardi di persone

Il rapporto della Fao sottolinea che la quantità d’acqua potabile disponibile pro capite è diminuita del 20% in appena due decenni. Siccità e eventi climatici estremi colpiscono in modo sproporzionato i più vulnerabili

cambiamento climatico
Credits: Tuan Hoang da Pixabay

Il cambiamento climatico tra i fattori più impattanti sulle risorse idriche

(Rinnovabili.it) – La scarsità d’acqua estrema e la siccità dovute al cambiamento climatico colpiscono 1,5 miliardi di persone in tutto il mondo. E la mancanza di adeguate risorse idriche, nel complesso, è una realtà 3 miliardi di esseri umani. Numeri che poggiano su un trend negativo preoccupante: la quantità d’acqua potabile disponibile pro capite è diminuita del 20% in appena due decenni. Ma in alcune regioni la situazione è peggiore. In Nord Africa e Asia occidentale (Iran, Pakistan, Afghanistan) il calo è del 30% e a stento la quantità d’acqua disponibile arriva ai 1000 m3, la soglia sotto la quale per convenzione si stima una scarsità d’acqua acuta.

L’allarme è lanciato dalla Fao nel suo rapporto annuale The State of Food and Agriculture, che individua la crisi climatica come uno dei fattori principali, insieme alla domanda d’acqua crescente e alla cattiva gestione delle risorse, che impoveriscono l’agricoltura a livello mondiale.

Leggi anche Mega siccità lunghe più di 20 anni, ecco cosa ci riserva il cambiamento climatico

Il cambiamento climatico è letto come un moltiplicatore del rischio per l’agricoltura. Sovrapposto ad altri trend come l’urbanizzazione o l’adozione di diete più water-intensive, il cambiamento climatico comporta un maggiore rischio di eventi climatici estremi, siccità più durature, inondazioni più frequenti e devastanti e una variabilità climatica maggiore (specie nella frequenza e nell’abbondanza delle precipitazioni). Tutto ciò, a sua volta, aumenta la pressione sulla produzione agricola, poiché la crescita delle colture e le rese sono altamente sensibili alle condizioni climatiche.

Leggi anche Acqua: la domanda supererà l’offerta entro il 2050

Quali aree sono più a rischio? Il rapporto prevede che l’impatto più grande sarà avvertito specialmente nelle regioni tropicali e a bassa latitudine. Ma anche in quei sistemi socio-economici profondamente legati a ecosistemi d’acqua dolce, particolarmente sensibili agli shock climatici. Un impatto che sarà ineguale, avverte la Fao. Le popolazioni più povere, prevalentemente nelle aree rurali, sono le più vulnerabili e rischiano di essere colpite in modo sproporzionato.

Tutte queste tendenze aggraveranno le tensioni per il controllo delle risorse idriche e la disuguaglianza nell’accesso all’acqua, soprattutto per i piccoli agricoltori, i poveri delle aree rurali e altre popolazioni vulnerabili.

Articolo precedenteGocce zuccherate trasformano le alghe in mini fabbriche di idrogeno verde
Articolo successivoLa ripresa verde col nucleare? Per il parlamento inglese non s’ha da fare

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui