Così l’Antropocene sta distruggendo le ultime terre incontaminate

In 25 anni abbiamo perso il 10% delle terre incontaminate, con gravissimi danni per la biodiversità e per la lotta ai cambiamenti climatici

Così l’Antropocene sta distruggendo le ultime terre incontaminate

 

(Rinnovabili.it) – L’ingresso nell’era dell’Antropocene sta segnando un declino catastrofico delle terre incontaminate. In appena un quarto di secolo, le regioni dove la presenza e le attività dell’uomo non fanno sentire i loro effetti sono crollate del 10%. Traducendo dati e numeri in qualcosa di più concreto, ciò significa che deforestazione, inquinamento e speculazioni si sono mangiate un’area vergine grande 10 volte l’Italia. O, per render meglio l’idea, come metà dell’Amazzonia.

A rivelarlo è uno studio appena pubblicato sulla rivista Current Biology. E le conclusioni dei ricercatori tracciano un quadro dai toni ancora più pessimisti: se continuiamo di questo passo, entro la fine del secolo non rimarranno più terre incontaminate di estensioni significative. Tra le aree più colpite fino a questo momento c’è proprio l’Amazzonia. La deforestazione illegale, soprattutto in Brasile, pesa per quasi un terzo del totale. Tra i siti più colpiti figurano le foreste di Ucayali, che ospitano più di 600 specie di uccelli e primati.

 

A seguire poi l’Africa centrale con il 14%, dove di fatto l’intero bacino del Congo occidentale non può più essere considerato incontaminato. Anche questa è una regione principalmente occupata da foreste che sono fondamentali per bilanciare le emissioni di CO2 di origine antropica. Perciò, sottolinea la ricerca, la perdita di questi ultimi rifugi naturali non è un dramma soltanto per la biodiversità ma anche per gli sforzi di contrasto ai cambiamenti climatici.

Ad ogni modo spunta anche qualche buona notizia. Le terre incontaminate che restano – definite nello studio come aree biologicamente e ecologicamente intatte, senza industrie, infrastrutture e conversioni d’uso delle terre – ricoprono ancora il 23% della superficie terrestre. E, cosa più importante, quasi tutte sono raggruppate in aree contigue e di almeno 10mila kmq di estensione. Si trovano principalmente nel Canada del nord, nei deserti e nelle foreste occidentali dell’Australia, in Siberia. Senza adeguate politiche di conservazione, però, sono destinate a sparire.

Articolo precedenteEolico offshore: Dong installa la turbina più grande del mondo
Articolo successivoL’auto solare di Sono Motors raggiungerà il mercato nel 2018

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui