Approvati i criteri per gli interferenti endocrini

Vittoria dell’industria. Per determinare se una sostanza rientra tra gli interferenti endocrini, si utilizzerà un approccio non basato sul principio di precauzione

interferenti endocrini

 

(Rinnovabili.it) – Passa la linea dell’industria e il Comitato permanente su piante, animali, alimenti e mangimi approva i nuovi criteri per il riconoscimento degli interferenti endocrini, sostanze chimiche dannose per la salute che agiscono sugli ormoni e sul sistema endocrino. Sono presenti in diversi prodotti commerciali come pesticidi, additivi alimentari e cosmetici.

Nel voto espresso ieri dal comitato, i cui membri restano segreti anche se rappresentano le posizioni dei paesi membri dell’UE, ha pesato l’influenza della Germania, dove hanno sede colossi come Bayer e Basf, che supportavano il testo, favorevole all’industria chimica. I criteri scientifici in base ai quali si individueranno sostanze potenzialmente pericolose per il sistema endocrino utilizzate nei pesticidi e nei biocidi, avranno come elemento chiave la “potenza”. In pratica, non si tiene tanto in conto se un pesticida è dannoso per la salute, ma piuttosto in quali dosi deve essere assunto per causare interferenze con il sistema ormonale.

 

>> Interferenti endocrini, la controproposta delle organizzazioni non governative <<

 

Con questo criterio diventa più difficile identificare le sostanze da mettere nella black list, il che significa che pochi o anche nessun prodotto potrebbe essere ritirato dal mercato. Gli ambientalisti e i consumatori, sul piede di guerra per questa scelta poco incline al principio di precauzione, chiedono al Parlamento Europeo di mettere un veto quando si tratterà di votare la proposta di Bruxelles.

A livello politico, la votazione di ieri rappresenta una sconfitta della Francia ad opera della Germania. Parigi con l’appoggio di Svezia e Danimarca, premeva per adottare una definizione basata sulle proprietà intrinseche di pericolosità, senza prendere in considerazione la “potenza” della sostanza. Ciò avrebbe portato a elencare gli interferenti endocrini in categorie come “verificato”, “presunto” e “sospetto”, sulla base del loro impatto sul sistema ormonale. Ma Berlino, sotto la pressione della potente lobby della chimica, ha fatto naufragare la proposta francese.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui