Incendi nell’Amazzonia brasiliana: la situazione continua a peggiorare

Negli ultimi mesi, oltre che in Amazzonia, gli incendi si sono triplicati anche nel Pantanal, la più grande zona umida tropicale del mondo.

Amazzonia brasiliana
Credits: Greg Montani da Pixabay

Ad agosto, l’Amazzonia brasiliana è stata colpita da ben 29.307 incendi

(Rinnovabili.it) – Nel mese di agosto, il numero di incendi nell’Amazzonia brasiliana è stato il secondo più alto dell’ultimo decennio, scatenando un’ondata di condanne da parte delle organizzazioni internazionali a protezione dell’ambiente. Ma non solo. Secondo i dati basati sulle immagini satellitari dell’Agenzia spaziale nazionale brasiliana (INPE), gli incendi si sono triplicati anche nel Pantanal, la più grande zona umida tropicale del mondo, considerata l’ecosistema con il maggior numero di specie di flora e fauna del pianeta.

Nonostante le garanzie del governo Bolsonaro, secondo l’agenzia spaziale INPE, nel mese di agosto l’Amazzonia brasiliana ha visto l’esplosione di ben 29.307 incendi, solo il 5,2% in meno rispetto ad agosto 2019. Tuttavia, il numero reale potrebbe essere più alto.

Leggi anche Amazzonia: la deforestazione selvaggia non conosce lockdown

L’anno scorso, il numero di incendi nella foresta pluviale del Brasile è salito di quasi il 200%, scatenando l’allarme mondiale per la devastazione della più grande risorsa vitale per frenare il cambiamento climatico. Il mese di agosto segna spesso l’inizio della stagione degli incendi, perché agricoltori e allevatori approfittano del clima più secco per incendiare gli alberi abbattuti nei loro terreni.

Sotto la pressione internazionale, Bolsonaro ha schierato l’esercito per reprimere la deforestazione e gli incendi. Ma gli ambientalisti rimangono fortemente critici nei confronti del leader di estrema destra, che ha spesso espresso il suo scetticismo nei confronti dei cambiamenti climatici e che ha avviato nelle terre protette dell’Amazzonia brasiliana attività di estrazione mineraria e agroindustria.

Leggi anche Brasile, in controtendenza sulla produzione di gas a effetto serra

Romulo Batista, portavoce del gruppo ambientalista Greenpeace Brasile, in un comunicato ha accusato Bolsonaro di stare smantellando le agenzie di protezione ambientale del Brasile: “l’anno scorso, le immagini dell’Amazzonia in fiamme hanno fatto notizia in tutto il mondo. Quest’anno, la tragedia si sta ripetendo. Eppure, il governo vuole tagliare il budget del Ministero dell’ambiente”. Nel frattempo, l’Osservatorio sul Clima ha sottolineato il fallimento dell’azione di Bolsonaro nel contrastare la deforestazione.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui