Sta tornando il traffico illecito di animali selvatici nel mondo

L’agenzia dell’ONU che monitora il contrabbando illegale sta raccogliendo segnali inequivocabili che il mercato illegale è di nuovo in movimento. L’epicentro, ancora una volta, è il sud-est asiatico

Traffico illecito di animali selvatici: in ripresa nonostante la pandemia
via depositphotos.com

Allarme dell’UNODC sulla ripresa di traffico illecito di animali selvatici

(Rinnovabili.it) – La pandemia non è servita per voltare pagina sul traffico illecito di animali selvatici. Ci sono tutti i segnali che il contrabbando di specie esotiche e di fauna a rischio si sta rimettendo in moto. Lo sostiene l’UNODC, l’ufficio delle Nazioni Unite per la droga e la criminalità che monitora questo tipo di fenomeni transnazionali, in un rapporto che sarà pubblicato a breve.

Quando il COVID-19 è esploso in tutto il mondo, anche il traffico illecito di animali selvatici ha subito una batosta. I trafficanti non potevano operare con i lockdown e i controlli rafforzati alle frontiere. E nel mercato illegale c’è stato un pesantissimo calo della domanda. Che non stupisce, visto che i contatti con la fauna selvatica sono tra le cause principali della diffusione di malattie zoonotiche. Un tema di cui tutti, nostro malgrado, abbiamo recepito qualche nozione di base.

Leggi anche Pandemie: quale correlazione esiste tra virus e clima?

Ma sarà così per sempre? L’UNODC pensa di no. A trainare il mercato globale del traffico illecito di animali selvatici sarà ancora una volta il sud-est asiatico. I funzionari dell’UNODC segnalano che tra Cina e Vietnam di recente la polizia ha fermato alcuni carichi di pangolino, segnale inequivocabile di una ripresa del contrabbando su scala internazionale.

Ma sarebbe sbagliato pensare che i trafficanti durante la prima fase della pandemia abbiano appeso doppietta e trappole al chiodo in attesa del ritorno alla normalità. Questo settore illecito, al contrario, è entrato in una fase di accumulo. Il contrabbando non si è mai davvero fermato: la cattura di fauna selvatica è proseguita, si sono solo congelate le spedizioni oltreconfine. I trafficanti hanno aumentato le scorte, in attesa che il mercato torni a dare segni di vita e i prezzi salgano di nuovo. Una situazione comune a tutti i paesi lungo il fiume Mekong: Cina, Laos, Tailandia, Myanmar.

Leggi anche La chiave per evitare nuove pandemie è proteggere la biodiversità

Secondo stime del WWF, il commercio illegale di animali selvatici muove qualcosa come 20 miliardi di dollari l’anno. Quello delle scaglie di pangolino o di polvere di corno di rinoceronte è il quarto mercato criminale del pianeta ed è anche una della cause principali della perdita di biodiversità in alcune aree del mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui