Piantare 6,6 mln di alberi di verde urbano: al via il bando del MiTe per le Città metropolitane

Pubblicato l’avviso del MiTe che stanzia 300 mln di euro per il verde urbano, a contrasto dell’inquinamento e del cambiamento climatico e per favorire la biodiversità

verde-urbano
credit: Mite

Entro il 31 dicembre il verde urbano dovrebbe guadagnare 1,65 mln di alberi

(Rinnovabili.it) – Entro il 2024 il verde urbano delle Città Metropolitane dovrà arricchirsi di 6,6 milioni di alberi. E’ questo l’obiettivo della Misura contenuta nel PNRR e dedicata alla “Tutela e valorizzazione del verde urbano ed extraurbano”.

Lo rende noto il MiTe che pubblica l’avviso pubblico contenente i dettagli del bando ed il relativo finanziamento.

Stiamo parlando di circa 300 milioni di euro così suddivisi: 74 milioni di euro per il 2022, altri 74 per il 2023 e 139 milioni per il 2024. Alle Città metropolitane del Sud e delle Isole è destinata una quota del 50% delle risorse disponibili. A beneficiare dell’intervento saranno 1.268 comuni in cui vivono più di 21 milioni di abitanti. Entro il 31 dicembre 2022 il verde urbano dovrebbe arricchirsi di 1,65 milioni di nuovi alberi.

“Piantare l’albero giusto al posto giusto”

L’Avviso del Ministero della Transizione Ecologica dà attuazione al “Piano di forestazione urbana ed extraurbana”. Alla predisposizione del Piano hanno collaborato anche l’Istituto Superiore per la Ricerca Ambientale – ISPRA, il Comando Unità Forestali Ambientali Agroalimentari dei Carabinieri – CUFA, l’Istituto Nazionale di Statistica – ISTAT, e il Centro Interuniversitario di Ricerca “Biodiversità Servizi ecosistemici e Sostenibilità” – CIRBISES.

Leggi anche Comunità Energetiche, da Pnrr un supporto per transizione ecologica e contro caro bollette

Lo slogan del progetto è “piantare l’albero giusto al posto giusto”, per non dimenticare la territorialità e le differenze geografiche nelle quali ci si trova ad operare.

Una volta a dimora, i nuovi boschi serviranno a contrastare l’inquinamento atmosferico, il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità.

Articolo precedenteDecoupling tra emissioni e Pil, possibile solo con l’overshoot degli 1,5°C
Articolo successivoCon efficienza e pompa di calore fino al 66% di risparmio in bolletta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui