La prima bozza di accordo della COP26 “dimentica” l’addio alle fossili

Il testo è ancora in forma di non-paper (cioè è da considerare informale) ed è un elenco di punti con pochi dettagli. Ma anche in questa forma così embrionale, preoccupa l’assenza di riferimenti alla necessità di dire basta alle fossili

COP26: bozza di comunicato finale, manca il phase out delle fossili
Via depositphotos.com

La COP26 si conclude venerdì 12 novembre

(Rinnovabili.it) – La prima bozza del comunicato finale di Glasgow non ha il livello di ambizione che serve per “tenere gli 1,5 gradi a portata”, l’obiettivo numero 1 della conferenza sul clima. E tra le “dimenticanze” del documento ce n’è una preoccupante: non si legge da nessuna parte l’impegno all’abbandono graduale dei combustibili fossili. Lo afferma Greenpeace dopo che domenica aveva puntato il dito contro Arabia Saudita e Australia, colpevoli di mettere i bastoni tra le ruote a un accordo degno di questo nome alla COP26.

Il testo finale provvisorio “omette completamente di menzionare i combustibili fossili”, spiega l’ong ambientalista, “nonostante il consenso degli esperti sulla necessità di porre fine immediatamente a nuovo carbone, petrolio e gas per raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi 1,5°C”. Laddove questi temi, con lo stop al carbone e il taglio dei sussidi, aveva tenuto banco durante la prima settimana di COP26. Ma con accordi volontari e parziali, non con un accordo-quadro globale.

Leggi anche COP26, Glasgow stecca sul phase out del carbone

Più che di bozza di accordo della COP26, però, il documento pubblicato sul sito dell’Unfccc, l’accordo quadro dell’Onu sui cambiamenti climatici, è ancora un suo lontano antenato. Si tratta di un non-paper, quindi di un testo informale, ma soprattutto a questo stadio è ancora soltanto un lungo elenco di punti da inserire nel comunicato.

Ancora se è ancora così embrionale, questo documento dovrebbe contenere tutti i temi principali su cui costruire il comunicato finale dopo che i negoziati avranno stabilito linguaggio e dettagli. L’assenza fa sollevare qualche sopracciglio. Tanto più che in tutto il testo non si fa mai menzione non solo del phase out delle fossili, ma anche del carbone.

Leggi anche COP26, l’Italia dice basta ai sussidi alle fossili dal 2022

“Grazie al blocco da parte degli interessi dei combustibili fossili, la prima versione del testo ufficiale, pubblicata dalla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, non riconosce che i combustibili fossili stanno guidando la crisi climatica, né prende alcun impegno per azioni tangibili per porre fine alla dipendenza globale da carbone, petrolio e gas”, continua Greenpeace.

La lettura dell’ong è chiara: carbone e addio alle fossili non ci sono perché alcuni paesi stanno puntando i piedi. Paesi che sembra di poter identificare con Arabia Saudita e Australia, che solo ieri erano stati criticati proprio da Greenpeace per l’ostruzionismo alla COP26. (lm)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui