Il vero costo della crisi climatica? È 6 volte più alto di quanto pensiamo

I modelli usati per queste stime tralasciano gli impatti nel lungo termine. Ad esempio, assumono che in pochi mesi un paese si possa riprendere del tutto da un disastro climatico. Ma è davvero così? Un gruppo di scienziati ha rifatto i conti: il climate change cancella 1/3 della crescita economica entro il 2100

Costo della crisi climatica: vale il 37% del Pil globale a fine secolo
Foto di David Mark da Pixabay

Uno studio su Environmental Research Letters ricalcola il costo della crisi climatica

(Rinnovabili.it) – Abbiamo sottostimato il costo della crisi climatica, i danni economici che causa? Cosa succede se al conto proviamo ad aggiungere anche gli effetti a lungo termine, e non solo gli impatti nel brevissimo periodo? Secondo un team internazionale di scienziati, questa operazione fa moltiplicare per 6 il costo del cambiamento climatico.

Entro il 2100, calcola lo studio apparso su Environmental Research Letters, il costo della crisi climatica potrebbe rosicchiare fino al 37% del Pil globale. Come sono arrivati a questa conclusione, gli scienziati? Attualmente, la maggior parte dei modelli usati per stimare il costo del climate change si concentra sui danni a breve termine. Un approccio che viene criticato dalla ricerca perché assume che il cambiamento climatico non abbia un effetto duraturo sulla crescita economica, nonostante ci siano sempre più prove che dimostrano il contrario. Un esempio? Eventi estremi come siccità, incendi, ondate di calore e tempeste possono causare danni economici a lungo termine a causa del loro impatto sulla salute, sui risparmi e sulla produttività del lavoro.

Leggi anche Cosa c’entra il cambiamento climatico con l’alluvione in Germania e nord Europa?

Anche i numeri sul costo della crisi climatica presentati dal nuovo studio vanno presi con le pinze. Il perché lo spiega Chris Brierley, uno degli autori: “Non sappiamo ancora esattamente quanto effetto avrà il cambiamento climatico sulla crescita economica a lungo termine, ma è improbabile che sia zero, come ipotizzato dalla maggior parte dei modelli economici”. Modelli che per il momento prevedono una contrazione del Pil globale di 6 punti percentuali al massimo. Lo stesso procedimento, gli scienziati l’hanno adottato per correggere il modello più usato per calcolare il costo sociale del carbonio, cioè il costo reale delle emissioni di CO2 quando si tengono in considerazione gli impatti su clima, economia, salute ecc. Le stime variano tra i 10 e i 1.000 dollari per tonnellata. Ma le nuove previsioni fanno triplicare il limite massimo: 3.000 dollari, se si guardano anche gli effetti di lungo periodo.

“Il cambiamento climatico rende molto più probabili eventi dannosi come la recente ondata di caldo in Nord America e le inondazioni in Europa”, prosegue Brierley. “Se smettiamo di presumere che le economie si riprendano da tali eventi entro pochi mesi, i costi del riscaldamento sembrano molto più alti di quanto solitamente dichiarato”.

Leggi anche L’atlante mondiale dei disastri climatici: occhio all’acqua

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui