L’atlante mondiale dei disastri climatici: occhio all’acqua

Siccità, tempeste e alluvioni sono i disastri più calamitosi in termini di danni umani ed economici a livello globale. Una situazione che vale anche per l’Europa. Il segretario del WMO Taalas: “Nessun paese – sviluppato o in via di sviluppo – è immune. Il cambiamento climatico è qui e ora”

Disastri climatici: in Europa è l’acqua a fare più danni
Foto di Tommy Takacs da Pixabay

Il rapporto del WMO sui disastri climatici degli ultimi 50 anni

(Rinnovabili.it) – Sono i disastri climatici legati all’acqua quelli che uccidono di più e fanno più danni. Lo rivela un rapporto della World Meteorological Organization (WMO), che sarà presentato ufficialmente a settembre all’assemblea generale dell’ONU e dà una fotografia completa di quello che è successo negli ultimi 50 anni.

E sarà una tendenza che peggiorerà nel prossimo futuro, come è tristemente sotto gli occhi di tutti in queste settimane, con alluvioni epocali in Germania, Belgio e Cina. “I rischi legati al clima, al clima e all’acqua stanno aumentando di frequenza e intensità a causa dei cambiamenti climatici”, avverte il segretario generale del WMO Petteri Taalas. “Il bilancio umano ed economico è stato evidenziato con tragici effetti dalle piogge torrenziali e dalle inondazioni devastanti e dalla perdita di vite umane nell’Europa centrale e in Cina la scorsa settimana”.

Leggi anche Cosa c’entra il cambiamento climatico con l’alluvione in Germania e nord Europa?

Sul totale degli eventi calamitosi globali, negli ultimi 50 anni disastri climatici sono il 50%, hanno causato il 45% delle morti e il 74% di tutte le perdite economiche segnalate. I disastri climatici più letali sono le siccità (650.000 morti), le tempeste (quasi 580.000 decessi), le alluvioni (poco meno di 60.000 morti) e il caldo estremo (oltre 55.000 vittime). Per quanto riguarda i danni a livello economico, gli eventi più dannosi sono stati le tempeste e le inondazioni, rispettivamente con 521 e 115 miliardi di dollari di danni.

Una fotografia che vale anche per l’Europa, dove negli ultimi 5 decenni il prezzo pagato per pioggia normali e alluvioni ammonta a quasi 380 miliardi di dollari. Il rapporto del WMO segnala anche l’evento più pesante mai registrato sul continente: si tratta dell’alluvione che ha flagellato la Germania nel 2002, che ha provocato quasi 16 miliardi e mezzo di danni. In termini di perdita di vite umane, tuttavia sono le ondate di calore anomale il pericolo numero 1.

Leggi anche Alluvione in Cina, in poche ore la pioggia di un anno intero

“Nessun paese – sviluppato o in via di sviluppo – è immune. Il cambiamento climatico è qui e ora. È imperativo investire di più nell’adattamento ai cambiamenti climatici e un modo per farlo è rafforzare i sistemi di allarme rapido multi-rischio”, ha chiosato Taalas.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui