Il global warming nell’Artico corre fino a 7 volte più veloce che nel resto del Pianeta

La regione con il trend più pronunciato è la parte settentrionale del mare di Barents. Tra l’arcipelago delle Svalbard e quello della Terra di Francesco Giuseppe l’anomalia termica per decennio è anche di +2,71°C

Global warming nell’Artico: 7 volte più rapido della media mondiale
Foto di Hal Tearse da Pixabay

Nuovi dati sul global warming nell’Artico

(Rinnovabili.it) – Il Polo Nord è una delle regioni del pianeta dove il riscaldamento globale corre più veloce. In media, come sulle Alpi, l’anomalia termica è doppia. Ma questa è appunto una media. In alcune zone, infatti, il global warming nell’Artico è fino a 7 volte più consistente che altrove. Lo dimostrano i nuovi dati raccolti dall’Istituto Meteorologico Norvegese e pubblicati in uno studio su Scientific Reports.

La fetta più bollente del Polo Nord è la parte settentrionale del mare di Barents. Qui il global warming nell’Artico corre alla velocità di 2,7 gradi di temperatura media in più ogni decennio. Nel periodo autunnale, particolarmente critico perché è il momento in cui si inizia a riformare la calotta ghiacciata, la media di riscaldamento globale arriva a raggiungere ritmi di 4°C al decennio.

Leggi anche Dal termometro ai castori, un anno di sconvolgimenti nell’Artico

“Ci aspettavamo di vedere un forte riscaldamento, ma non della portata che abbiamo riscontrato”, commenta Ketil Isaksen, ricercatore senior presso l’Istituto Meteorologico Norvegese e prima firma del lavoro. “Siamo rimasti tutti sorpresi. Da quello che sappiamo da tutti gli altri punti di osservazione del globo, questi sono i più alti tassi di riscaldamento che abbiamo osservato finora”.

Rispetto alla media globale, pari a +0,32°C/decennio, il global warming nell’Artico è di 0,86°C. I dati rilevati tra la Terra di Francesco Giuseppe e l’arcipelago delle Svalbard, invece, mostrano ritmi di riscaldamento ben più elevati. Nelle isole norvegesi, a Verlegenhuken lo studio assegna un global warming di 1,47°C per decennio, a Edgeøya 1,76°C, e a Karl XII-øya il record assoluto di 2,71 gradi al decennio. Nelle isole sotto controllo russo, invece, lo studio rileva un riscaldamento di 2,17°C.

Leggi anche MOSAiC, la più grande spedizione polare nei ghiacci dell’Artico

“Il messaggio più ampio è che il feedback dello scioglimento dei ghiacci marini è ancora più alto di quanto mostrato in precedenza”, ha detto al Guardian Isaksen. “Questo è un allarme precoce per ciò che accadrà nel resto dell’Artico se questo scioglimento continuerà, e ciò che è più probabile che accada nei prossimi decenni”.

Articolo precedenteL’Europa è il secondo produttore mondiale di rifiuti del packaging
Articolo successivoRegole della PAC sospese “almeno” un altro anno, l’Italia è d’accordo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui