Una cattiva notizia (e una buona) sui migranti climatici

Il numero di chi lascia la sua terra a causa del cambiamento climatico è destinato ad aumentare: in 30 anni avremo 216 milioni di nuovi sfollati interni in tutti i continenti. La buona notizia è che possiamo ridurre anche dell’80% questi numeri altissimi se agiamo subito sul clima. Il dossier spiega quali sono le priorità

Migranti climatici: diventeranno 216 milioni nel 2050
via depositphotos.com

Il rapporto Groundswell della Banca Mondiale sui migranti climatici nel 2050

(Rinnovabili.it) – Se la transizione ecologica non corre veloce sui binari giusti, fra 30 anni dovremo fare i conti con 216 milioni di persone in fuga dalle loro terre a causa del cambiamento climatico. Un fenomeno di portata globale perché riguarda tutti i continenti, ma concentrato in alcune zone più calde. A disegnare questo atlante mondiale dei migranti climatici è la Banca Mondiale con la seconda parte – molto attesa – del rapporto Groundswell. Un dossier che fa il punto su quanto può lievitare il numero degli sfollati interni, quali sono le aree più critiche e cosa possiamo fare per evitare gli scenari peggiori.

I numeri dei migranti climatici accendono un riflettore sull’Africa subsahariana: è questa la regione che rischia di più. Da qui al 2050 potrebbe subire sconvolgimenti tali da costringere almeno 86 milioni di persone a spostarsi, anche solo all’interno dei confini del proprio paese. Migrazioni più limitate, ma non meno impattanti. Segue nella classifica l’Asia orientale con 49 milioni, l’Asia meridionale con 40 milioni, Nord Africa e Sud America rispettivamente con 19 e 17 milioni. Chiude l’Europa orientale accorpata all’Asia centrale con 5 milioni di migranti climatici previsti.

Leggi anche Record nel 2020: i migranti per il clima in tutto il mondo sono 30 milioni

In parte, gli sfollati interni lieviteranno a causa degli effetti lenti e graduali dei cambiamenti climatici. Non esodi biblici ma spopolamenti più diluiti nel tempo. Tra i fattori dietro queste migrazioni forzate, il rapporto della Banca Mondiale sottolinea lo stress idrico, la minor produttività dei raccolti, e l’aumento del livello dei mari. Altri sviluppi del clima renderanno alcune regioni meno vivibili, anche se non con effetti continuativi. Tra gli elementi evidenziati troviamo lo stress termico e le ondate di calore, eventi climatici estremi (tifoni, gelate …) e perdita di terra.

Il dossier Groundswell dedica poi ampio spazio a cosa possiamo fare per ridurre il più possibile i numeri di chi è costretto a migrare a causa del clima. Secondo gli autori, possiamo tagliare dell’80% i futuri migranti climatici se potenziamo subito l’azione climatica. Come? Tra le priorità, il taglio dei gas serra, integrare le migrazioni climatiche nei piani di sviluppo locale, iniziare a pianificare la risposta ad ogni fase della migrazione per migliorare l’adattamento, e migliorare la nostra comprensione dei driver dietro questo fenomeno complesso per costruire delle politiche solide.

Leggi anche I migranti del clima in Europa triplicheranno entro fine secolo

Articolo precedenteItalia prima in Europa nell’economia circolare, il rapporto di Circonomia
Articolo successivoMichelin Uptis, il pneumatico con tecnologia airless scende in strada

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui