Ondate di calore, le estati europee saranno sotto il segno di Lucifero

Il caldo record di Siracusa dell’11 agosto, con 48,8°C, potrebbe venire superato presto. Il cambiamento climatico ci porta heat waves a 50 gradi ogni 3 anni

Riscaldamento globale: il 2020 è l’anno più caldo della storia
via depositphotos.com

Il dossier del Met Office UK sulle ondate di calore dell’estate 2021

(Rinnovabili.it) – Siracusa, 11 agosto scorso. Da un giorno imperversa Lucifero, l’anticiclone subtropicale africano che sta facendo bollire il Sud Italia. I termometri raggiungono temperature mai viste prima. Non solo in Sicilia o in Italia, ma in tutta Europa. Quel giorno la colonnina di mercurio arriva a 48,8 gradi, spinta verso l’alto da una delle ondate di calore più potenti registrate nel continente.

Ondate di calore che dobbiamo abituarci a non definire più ‘eccezionali’. Lo spiega il Met Office britannico. Estremi climatici come Lucifero dovrebbero palesarsi una volta ogni 10.000 anni, invece il cambiamento climatico li rende molto più frequenti: d’ora in poi succederà in media una volta ogni 3 anni. E le proiezioni dicono che queste ondate di calore diventeranno annuali entro la fine del secolo in uno scenario medio di emissioni (SSP4.5).

Leggi anche Caldo record, mai così bollente l’estate in Europa

“Questo ultimo studio di attribuzione è un altro esempio di come il cambiamento climatico sta già rendendo i nostri estremi meteorologici più gravi”, spiega Nikos Christidis del Met Office. Non solo le ondate di calore toccano record di caldo, anche la temperatura media estiva è a livelli da primato. Secondo i calcoli del centro meteorologico di Londra, le temperature la scorsa estate sono state 1°C sopra la media del periodo 1991-2020.

“Le probabilità che si verifichino questi eventi estremi continuano ad aumentare finché continuiamo ad emettere gas a effetto serra”, aggiunge Peter Stott, del Met Office. “La scienza è chiara: più velocemente riduciamo le nostre emissioni di gas serra, più possiamo evitare gli impatti più gravi del cambiamento climatico”.

Leggi anche Atene risponde alla crisi climatica con il primo Chief Heat Officer d’Europa

Alcune città del sud Europa si stanno attrezzando per rispondere meglio a questi estremi climatici. Quest’anno Atene ha nominato il primo ‘Heat officer’ del continente: un funzionario municipale che dovrà trovare nuovi modi per raffrescare la città, contrastare l’impatto delle ondate di calore, e preparare misure di mitigazione e adattamento.

In Grecia, le proiezioni dicono che le ondate di calore potrebbero allungarsi di 15-20 giorni già nei prossimi decenni. Anche Siviglia si muove: la capitale dell’Andalusia spagnola sta sviluppando un sistema per classificare le heat waves come già si fa per gli uragani, un modo per gestire la risposta all’evento e aumentare la consapevolezza dei cittadini. (lm)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui