Da nord a sud, Caronte infrange record di caldo in tutta Italia

Sono oltre una decina i primati di calore per il mese di giugno infranti ieri da Caronte in tutta Italia. Particolarmente colpite le regioni centrali sul versante tirrenico. Da Campobasso a Napoli, da Roma ad Arezzo, tutti i valori record registrati il 27 giugno

Record di caldo: nuovo primato assoluto per Firenze e Viterbo
Foto di Andrea Spallanzani da Pixabay

Con 41°C, il capoluogo toscano ha segnato il suo record di caldo assoluto

(Rinnovabili.it) – Dovremo aspettare qualche giorno ancora per i dati definitivi, ma ci sono buone probabilità che il mese di giugno che si sta chiudendo sia uno dei più caldi di sempre per l’Italia e per buona parte d’Europa. Intanto, se l’anomalia termica è stata elevata per gran parte delle ultime settimane – aggravando la siccità che morde il BelpaeseCaronte ieri ha riscritto i record di caldo per giugno in quasi tutta la penisola.

A registrare i valori più elevati è stato soprattutto l’Italia centrale, specie sul versante tirrenico. A sottolineare quanto gli estremi climatici siano intensi, i record di caldo spesso hanno superato di alcuni gradi i primati precedenti, invece che di pochi decimali come avviene normalmente.

Tutti i record di caldo infranti il 27 giugno in Italia

Partiamo la nostra ricognizione dal Lazio. Qui troviamo un primato assoluto di caldo. A Viterbo i termometri hanno raggiunto 40,3°C, valore record per qualsiasi mese dell’anno e di oltre 3 gradi superiore a quello precedente per il mese di giugno (che era fermo a 37,1°C). Anche Roma è stata avvolta dalla canicola: a Ciampino toccati i 39,3 gradi (record precedente: 37,8°C), a Fiumicino i 39 gradi, 2,5°C sopra il record di caldo precedente. Segnalato anche un 43,3°C a Tor Vergata, ma il valore resta da confermare.

Scendendo verso sud, Latina ha raggiunto i 39 gradi (1,2°C più del primato in vigore), l’aeroporto di Napoli, Capodichino, i 37,5°C (un decimale in più), Campobasso i 36 gradi contri il record precedente di 35°C. Anche Umbria e Toscana sono state avvolte da Caronte, con primati ad Arezzo (38,9°C, +1,5 gradi sul record precedente) e Perugia (39 gradi contro 37,5°C). A Firenze, invece, battuto il record di caldo di tutti i mesi con 41°C. Al massimo, a giugno i termometri del capoluogo toscano erano saliti a 39°C.

Le stazioni meteo in Italia che il 27 giugno hanno registrato massime oltre i 40 gradi. Crediti: Meteonetwork

Ondata di calore eccezionale dal Maghreb alla Finlandia

L’Italia è al centro di un’ondata di calore che dalla regione del Nord Africa si è allungata verso nord, tagliando tutta Europa fino a raggiungere le latitudini più settentrionali della penisola scandinava. Sempre ieri, nel sud della Tunisia a Médenine toccati i 47,8°C, primato assoluto per la città anche se non record per il paese (resistono ancora i 48,7 gradi raggiunti il 30 giugno 2021 a Tozeur).

In Finlandia, la stazione meteo di Vihti Maasoja ha registrato 31,4°C e quella di Jomala Jomalaby i 29,3°C: entrambe località nel sud del paese ed entrambi nuovi record di caldo per il mese di giugno. In Norvegia, a Namsskogan, che si trova all’incirca alla stessa latitudine della capitale islandese Reykjavik, la colonnina di mercurio ha segnato il nuovo primato con 31,3 gradi.

Articolo precedenteSondaggio, gli italiani non vogliono atomo e gas nella tassonomia verde UE
Articolo successivoLe vecchie pale eoliche di Vattenfall si trasformano in sci e snowboard

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui