Copernicus, a maggio mezza Europa ha segnato record di temperatura

I dati del sistema europeo di monitoraggio satellitare del clima Copernicus mostrano che a livello globale il mese scorso è stato il 5° più caldo di sempre. L’Europa è spaccata a metà, con la parte sud-occidentale che ha avuto temperature medie 5-7°C sopra la norma

Record di temperatura: maggio bollente per l’Europa mediterranea
crediti: Copernicus

Nel mese passato, record di temperatura da Lisbona alla Provenza

(Rinnovabili.it) – A livello globale il mese di maggio è stato il 5° più caldo della storia, a pari merito con gli stessi mesi del 2018 e del 2021. Ma per l’Europa sono stati 31 giorni costellati di nuovi record di temperatura, tra ondate di calore precoci e la morsa della siccità che si stringe sempre di più sui paesi mediterranei. Lo riporta il sistema europeo di monitoraggio satellitare del clima Copernicus nel consueto bollettino mensile sull’andamento del riscaldamento globale.

I record di temperatura nell’Europa mediterranea

Per cogliere la portata del cambiamento climatico bisogna abbandonare il grandangolo e osservare le performance del clima a livello infra-regionale. È l’Europa sud-occidentale quella che ha fatto registrare record di temperatura, in alcuni casi senza precedenti da oltre 100 anni. La parte orientale e centrale del continente, invece, è rimasta su valori ben più bassi della media che compensano i precedenti. Se si guarda solo la media generale, quindi, la primavera europea è stata un po’ più fresca della media del periodo 1991-2020.

Valori ampiamente fuori norma hanno caratterizzato per gran parte del mese la penisola iberica e la Francia. La causa? “L’influenza di venti dal Sahara che è stato più caldo della media nell’estremo settore occidentale”, scrive Copernicus. In Francia, le centraline hanno rilevato il maggio più caldo dal 1900, con molti record di temperatura infranti a livello locale. La colonnina di mercurio è stata da 5 a 7°C più alta della media del periodo in gran parte del paese, mentre a Digne nel sud i termometri hanno raggiunto il livello da primato di 34,3 gradi. In cima al Pic du Midi, a oltre 2880 metri di altezza, la notte del 21 maggio la temperatura non è mai scesa sotto i 10°C.

In Spagna, la città di Jaén ha registrato sia nuovi record saluti di temperatura diurna, sia i valori più alti di temperatura minima per il mese di maggio. L’ondata di calore eccezionale ha toccato anche il Portogallo nella prima parte del mese, mentre nei successivi 15 giorni si sono verificate alcune notti eccezionalmente calde.

Articolo precedenteEmissioni agricole, la Nuova Zelanda pensa a una tassa su vacche e concimi
Articolo successivoCelle solari subacquee per produrre idrogeno verde “diretto”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui