Record nell’Artico, la Russia apre la Rotta del mare del Nord a febbraio

Da Sabetta ai porti cinesi e ritorno. La Christophe de Margerie ha avuto bisogno di assistenza da una nave rompighiaccio solo nella seconda metà del tragitto

Rotta del mare del Nord: prima traversata completa a febbraio
Foto di Jaana Puschkeit da Pixabay

Il settore orientale della Rotta del mare del Nord di solito è impraticabile tra novembre e luglio

(Rinnovabili.it) – Per la prima volta nella storia una nave è riuscita a percorrere la Rotta del mare del Nord a febbraio. La nave cisterna, di proprietà della compagnia marittima russa Sovcomflot, è arrivata ad un porto della provincia cinese di Jiangsu partendo da quello di Sabetta, nel golfo di Ob sul mare di Kara, costa artica russa, tra fine gennaio e i primi di febbraio. Poi è tornata al porto di partenza impiegando altri 11 giorni.

Si tratta del settore orientale della Rotta, dove tradizionalmente la navigazione si interrompe a novembre e riprende soltanto a luglio. In questo stesso settore, a maggio 2020 i russi avevano portato a termine la prima traversata ‘primaverile’.

Leggi anche Rotta del Mare del Nord: la lunga estate artica fa bene al commercio

La Christophe de Margerie, la nave cisterna russa, ha dovuto richiedere l’assistenza di una rompighiaccio russa a propulsione nucleare, la 50 Let Pobedy, soltanto durante il viaggio di ritorno. “Consideriamo impegnative le condizioni del ghiaccio incontrate lungo il percorso, anche se entro i parametri previsti ”, ha detto Sergey Gen, capitano della Christophe de Margerie. “I problemi maggiori affrontati dalla nave erano la pressione del ghiaccio e le collinette di ghiaccio nel Mare di Chukchi e nel Mar della Siberia orientale”.

La Russia sta puntando molto sull’apertura della navigazione durante tutto l’anno lungo la Rotta del mare del Nord. Mosca punta a ricavarne vantaggi commerciali sia perché avrebbe un’alternativa alle pipelines per l’export di gas dai pozzi artici, sia perché la Rotta accorcia notevolmente i tempi di navigazione del naviglio commerciale. Tra il 2023 e il 2025 dovrebbero entrare in servizio altre 18 rompighiaccio russe di ultima generazione. Come la Russia, anche molti altri Stati stanno puntando su questa possibilità.

Leggi anche La Russia riscalda la competizione per le nuove rotte in Artico

L’anno scorso, lungo la Rotta del mare del Nord è passato il 20% di navi in più rispetto al 2019. E sono stati 62 transiti completi attraverso la Rotta fino al 9 dicembre. Nel 2019, invece, erano stati appena 37. L’Artico sta subendo più di altre regioni terrestri gli effetti del riscaldamento globale, che al Polo Nord raggiunge livelli anche 3 volte superiori alla media globale. Il trend di perdita di calotta polare e di ritardo nella formazione del nuovo ghiaccio ogni anno è giudicato sempre più preoccupante dagli scienziati.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui