Cambiamento climatico: in Himalaya, 1/3 dei ghiacciai perenni persi irrimediabilmente

Pubblicato il primo report sulla salute dei ghiacciai nella regione Hindu Kush Himalaya: anche contenendo l’innalzamento delle temperature entro 1,5°C, il 36% dei ghiacci andrebbe perso.

himalaya

Lo scioglimento dei ghiacci dell’Himalaya mette a rischio la sopravvivenza di quasi 2 miliardi di persone

 

(Rinnovabili.it) – Un terzo dei ghiacciai dell’Himalaya è destinato a sciogliersi a causa del cambiamento climatico. Nemmeno il contenimento dell’innalzamento delle temperature entro 1,5° C riuscirà a salvare parte delle nevi perenni della più alta catena montuosa al mondo mettendo a repentaglio la vita di oltre due miliardi di persone.

 

Secondo i dati riportati nel primo report sullo stato di salute della catena Hindu Kush e Himalaya stilato dal Centro internazionale per lo sviluppo integrato della montagna (Icimod), anche se l’umanità dovesse raggiungere l’obiettivo di azzerare le emissioni di CO2 entro il 2050 e contenere l’innalzamento delle temperature al di sotto di 1,5° C, per la fine del XXII secolo il 36% dei ghiacciai himalayani si scioglierà. Una quota che raddoppierebbe nel caso non venissero raggiunti gli obiettivi dell’Accordo di Parigi.

 

>>Leggi anche Solo l’abbandono immediato delle energie fossili può salvarci dal cambiamento climatico<<

 

Esclusi Artico e Antartico, la regione Hindu Kush – Himalaya rappresenta la più grande riserva d’acqua ghiacciata del Pianeta. Il processo di scioglimento ha conosciuto un’accelerazione a partire dagli anni ’70: ad oggi circa il 15% dei ghiacci nei 3.500 km che compongono la catena montuosa risulta perso e se i ritmi dovessero continuare sullo stesso regime a partire dalla metà degli anni 2 mila, vi potrebbe essere una nuova impennata che porterebbe milioni di tonnellate d’acqua nei bacini idrici che nascono dall’Himalaya. Di qui il rischio di esondazioni rovinose per i quasi 2 miliardi di abitanti della regione che comprende Paesi popolosi come India, Cina e Pakistan.

 

Lo studio, cui hanno lavorato per 5 anni 200 scienziati da tutto il mondo e il cui operato è stato rivisto da altri 125 esperti, pone l’attenzione su una regione chiave per il cambiamento climatico sulla quale raramente ci si è concentrati: “Questa è la crisi climatica di cui non abbiamo sentito parlare – ha spiegato il professor Philippus Wester coordinatore del report dell’Icimod, – Per noi è stato scioccante scoprire che anche nel migliore dei casi, quello in cui perseguissimo obiettivi davvero ambiziosi per combattere il cambiamento climatico, perderemo comunque almeno un terzo dei ghiacciai e saremo davvero nei guai”.

 

>>Leggi anche Un laboratorio sottomarino in Antartide per studiare il climate change<<

 

Articolo precedenteBiometano e bollicine per l’acqua gassata dai rifiuti organici
Articolo successivoSuolo contaminato dal petrolio torna fertile grazie alla pirolisi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui