Il Canada equipara i movimenti per il clima all’Isis

La stretta sulla sicurezza dettata dalla “psicosi terrorismo” ha portato il Canada a fare una legge che considera terroristi anche gli attivisti in difesa del clima

Il Canada equipara i movimenti per il clima all’Isis-

 

(Rinnovabili.it) – I movimenti ambientalisti canadesi che si oppongono all’estrazione del petrolio da sabbie bituminose e manifestano a difesa del clima potrebbero presto essere equiparati ai terroristi dell’Isis. La pericolosa equazione si può leggere in un rapporto della Royal Canadian Mounted Police, che Greenpeace è riuscita a rendere pubblico.

La RCMP ha etichettato il movimento “anti-petrolio”, come una crescente e violenta minaccia per la sicurezza del Canada, sollevando timori tra gli ambientalisti che presto potrebbero trovarsi ad affrontare una speciale sorveglianza: quella riservata ai terroristi.  La valutazione dell’intelligence canadese avverte che i gruppi verdi sono decisi a bloccare l’espansione sabbie bituminose e la costruzione di gasdotti, e che gli “estremisti” sono disposti a ricorrere alla violenza.

 

Il Canada equipara i movimenti per il clima all’Isis_

 

«Esiste un crescente movimento, altamente organizzato e ben finanziato in Canada, che si compone di attivisti pacifici, militanti ed estremisti violenti che si oppongono alla dipendenza della società dai combustibili fossili», recita il dossier. Il ministro delle finanze, Joe Oliver, ha detto che gli ambientalisti sono sovvenzionati da gruppi stranieri, e stanno lavorando contro gli interessi del Canada opponendosi allo sviluppo.

Sull’onda dell’inasprimento, in tutto l’Occidente, delle strategie antiterrorismo, il governo canadese ha presentato il Bill C-51, proposta di legge che aumenta la discrezionalità da parte delle agenzie di sicurezza di raccogliere informazioni sulle attività di sospetti gruppi terroristici. Il premier, Steven Harper, sta sostenendo questa stretta sulla sicurezza come una reazione necessaria ad alzare una diga contro gli estremisti islamici. Ma non è sfuggito a molti osservatori come queste siano misure potenzialmente applicabili a qualsiasi azione di disobbedienza civile, e potrebbero rivelarsi anticostituzionali.

 

Il Canada equipara i movimenti per il clima all’Isis1

 

La legislazione include nelle «attività che minano la sicurezza del Canada» ogni interferenza con la stabilità economica o finanziaria del Paese o le sue infrastrutture critiche, pur escludendo la protesta lecita o il dissenso. Esistono, tuttavia, molte forme di protesta che non sono strettamente legali, come una manifestazione che non ha ottenuto i permessi necessari, un sit-in, o i blocchi degli indiani del movimento Idle No More in difesa dei loro diritti.

Se il disegno di legge verrà approvato (e c’è già una petizione on line per fermarlo), consentirà al Canadian Security Intelligence Service e di adottare misure per ridurre quel che ritiene rappresenti una minaccia per la sicurezza dello Stato. La fotocopia, forse un po’ sbiadita, dell’estensione del concetto di terrorismo che il governo italiano ha promosso nell’intento di perseguire il movimento No-Tav.

 

La British Columbia Civil Liberties Association ha già fatto sentire la sua voce: «Siamo preoccupati che il Bill C-51 stia per colpire non solo i terroristi coinvolti in attività criminali, ma anche le persone che protestano contro qualsiasi politica del governo canadese».

«Questo documento identifica chi si preoccupa per i cambiamenti climatici con un potenziale (se non reale, il confine è molto sfumato) “estremista anti-petrolio”», ha fatto eco Keith Stewart, un attivista del clima per Greenpeace.

1 commento

  1. Come non associare anche le leggi Ag Gag americane “Le prime leggi Ag-Gag sono state introdotte nel 2011 negli USA e prevedono pene pecuniarie e detentive per tutti coloro che vengono scoperti a riprendere, fotografare e registrare attività all’interno degli allevamenti e dei macelli. Lo scopo di questi provvedimenti è palese: ostacolare nella maniera più restrittiva possibile l’attività di persone, attivisti ma non solo (vedi il caso di Amy Meyer ) che sempre più vogliono portare a conoscenza le crudeltà che ogni giorno, in tutto il mondo, vengono perpetrate sugli animali d’allevamento”. (http://www.animalequality.it/notizie/198/lo-stato-del-tennessee-dice-no-alla-legge-ag-gag)
    Tutto ciò che cerca giustizia chiama repressione

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui