Chevron vuole il TTIP per impugnare le politiche ambientali

Il Guardian ottiene documenti dell’Unione europea che rivelano le pressioni di Chevron per l’approvazione del TTIP

Chevron vuole il TTIP per impugnare le politiche ambientali 2

 

(Rinnovabili.it) – Chevron, una delle compagnie petrolifere più aggressive del mondo, ha fatto pressioni sull’Unione europea per ottenere lo speciale diritto di impugnare davanti a un tribunale privato le decisioni dei governi che proteggono l’ambiente minacciando i suoi profitti. La multinazionale insiste per l’inclusione di una speciale clausola all’interno del TTIP, l’accordo di libero scambio in fase negoziale tra Stati Uniti e Unione europea. Grazie a questo meccanismo, denominato ISDS (Investor State Dispute Settlement), gli investitori privati guadagnerebbero il diritto di fare causa agli Stati per miliardi di euro davanti a corti di arbitrato internazionale.

Questi tribunali privati, previsti da migliaia di trattati di libero scambio, hanno dato prova, soprattutto negli ultimi 20 anni, di numerose criticità. In udienze a porte chiuse, senza possibilità di ricorso in appello, i governi vengono chiamati a rispondere del proprio operato davanti a tre arbitri esperti in diritto commerciale, con parcelle intorno ai 1.000 euro l’ora. In questi consessi chiusi al pubblico, si emettono sentenze che le corti nazionali o la Corte europea di Giustizia non possono annullare. Il codice adottato è quello del diritto commerciale, con poca considerazione per gli impatti sui diritti umani o sulle ricadute socio ambientali.

 

Chevron vuole il TTIP per impugnare le politiche ambientali 4Se l’accordo sul commercio e gli investimenti che Ue e USA stanno trattando dovesse contenere un meccanismo ISDS, circa 47 mila aziende statunitensi potrebbero guadagnare il diritto di accesso a questi tribunali privati, per mezzo dei quali contrastare le politiche ambientali dell’Unione europea o degli Stati membri.

Dinanzi a richieste di risarcimento multimilionarie o miliardarie, accade che diversi governi scelgano di ritirare legislazioni in difesa degli ecosistemi e della salute dei cittadini. È accaduto in Germania nel 2011 e in Canada nel 1998, come riportato a pagina 13 di un dossier redatto dalla campagna Stop TTIP Italia.

Lo confermano i verbali di una riunione tra funzionari della Commissione europea e i dirigenti di Chevron, ottenuti dal Guardian con una richiesta di accesso agli atti: «L’ISDS è stato utilizzato solo una volta da Chevron, nel suo contenzioso contro l’Ecuador – dicono le carte – Eppure, Chevron sostiene che la mera esistenza di un meccanismo ISDS sia importante, in quanto agisce come deterrente».

1 commento

  1. Auguro a tutte le società che speculano noncuranti della salute altrui che i loro guadagni non se li possano godere. Auspico una legge che faccia pagare a queste compagnie il costo per la cura di malattie da loro causate ed il rimborso dei danni causati ad ogni cittadino!!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui