Dieselgate, l’UE sapeva tutto 5 anni fa

Il quotidiano britannico Guardian pubblica un report segreto datato 2010: la Commissione sapeva dello scandalo emissioni da tempo, ma non ha mosso un dito

Dieselgate, l'UE sapeva tutto 5 anni fa

 

(Rinnovabili.it) – A Bruxelles parevano caduti tutti dalle nuvole quando scoppiò lo scandalo emissioni, prima con Volkswagen e poi con Renault. Nei 9 mesi che sono trascorsi dal dieselgate la situazione tutto sommato sembrava chiara: le aziende avevano truccato i test ma inquinavano molto più di quanto avessero mai dichiarato (e infinitamente più del consentito), la politica aveva reagito cercando di tappare la falla – anche se ogni tanto la toppa è stata peggiore del buco.

Invece la Commissione europea sapeva tutto. Lo sapeva da 5 anni. Quindi non solo non ha mai aperto bocca per dare l’allarme, ma date le sue responsabilità ha di fatto insabbiato il caso. La prova è in mano al Guardian, che l’ha ricevuta da due riviste di ambiente olandesi, Down to Earth e OneWorld. Il quotidiano britannico rivela oggi di essere in possesso di un documento che lascia pochi dubbi.

 

Le rivelazioni del Guardian sul dieselgate

Dieselgate, l'UE sapeva tutto 5 anni faÈ un rapporto redatto dal Joint Research Centre (JRC), il servizio di ricerca scientifica “interno” della Commissione, da cui emerge chiaramente che lo scandalo emissioni era stato scoperto già nel 2010. Gli esperti avevano avvisato il braccio esecutivo dell’UE che un produttore di auto (il nome è espunto dal rapporto) stava truccando le emissioni in fase di test. Particolare non secondario, il JRC descrive il funzionamento di un dispositivo sospetto che pare collimare con quello di Volkswagen pizzicato l’anno scorso.

L’allarme è stato lanciato, ma non è successo nulla. Nessuno ha dato mandato al JRC di scandagliare più a fondo il dispositivo incriminato. L’UE ha fatto orecchie da mercante. Meglio non scoperchiare uno scandalo che, ad oggi, ha coinvolto milioni di veicoli VW e lambito anche Renault. E dire che il JRC non è stato il solo a mettere la pulce nell’orecchio ai governanti europei. Sempre datata al 2010 è una nota del dipartimento per l’ambiente dell’UE (DG Envi), dove si legge che le “strategie per truccare” i test sono per loro “un’importante preoccupazione”. Ma, di nuovo, non succede nulla.

Saltiamo poi al 2013, un rapporto sempre di DG Envi sull’inquinamento atmosferico parla di “crescenti prove di pratiche illegali” da parte dei marchi automobilistici per truccare le emissioni. Nel silenzio più assoluto l’allarme cade ancora una volta nel vuoto. Se qualcuno avesse dato seguito alle accuse e indagato, lo scandalo sarebbe quindi scoppiato con 5 anni di anticipo e sarebbe partito dall’Europa, invece che dall’EPA, l’Agenzia statunitense per la protezione dell’ambiente.

 

Il peso del dieselgate su ambiente e salute

L’EPA nel settembre 2015 ha annunciato che su scala globale l’inquinamento potrebbe oscillare fra le 237.161 e le 948.691 tonnellate/anno di NOx, dalle 10 alle 40 volte i limiti. Lo scandalo emissioni ha coinvolto, fino ad ora, 9 milioni di automobili Volkswagen vendute in Europa e Stati Uniti tra il 2009 e il 2015. Queste vetture hanno emesso complessivamente 526 mila tonnellate di ossidi di azoto (NOx) oltre i limiti di legge. L’impatto ambientale della frode, in Europa, è stato ancora maggiore di quello negli USA. Nel vecchio continente sono stati venduti più veicoli e la densità di popolazione è più alta.

Lo scoppio del dieselgate in Europa è stato tamponato dal Parlamento europeo che ha stabilito che fino al 2017 le auto potranno inquinare oltre i limiti, poi entrerà in vigore una blanda riforma, simile più ad una sanatoria per futuri scandali. Si stima che lo sforamento delle emissioni abbia fatto perdere in tutto 45 mila anni di vita a causa di problemi di salute o morte precoce e sia costato ai contribuenti europei 32 mld di euro.

2 Commenti

  1. Salve, io possessore di una Polo “incriminata” sono completamente deluso da Volkswagen. La mia auto è in vendita da un paio di mesi e mi hanno contattato per ben “0” persone da quando ho fatto l’annuncio. La mia è una Polo higline con svariati optional, di un valore di circa 20000€ al momento dell’acquisto. Tra le varie cose mi sento preso in giro dalla casa madre, oltre che a valutarmi l’auto meno della concorrenza non ha fatto nulla per tenersi stretto i clienti che sono stati truffati.
    Morale mi sono ritrovato con un auto che non riesco a rivendere, in più nessuna agevolazione da parte di Volkswagen per ricomprarne un altra e infine la vettura “aggiornata” non funziona più come appena acquistata.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui