Vicino ai pozzi del fracking nascono bambini sottopeso

Più la tua casa è vicina ad un pozzo di fracking, maggiori probabilità ha tuo figlio di nascere sottopeso e sviluppare malattie durante la vita

Vicino ai pozzi del fracking nascono bambini sottopeso

 

(Rinnovabili.it) – Le donne in gravidanza che vivono in zone brulicanti dei pozzi di shale gas sfruttati con il fracking hanno più probabilità di dare alla luce bambini sottopeso. Lo evidenzia uno studio della Graduate School of Public Health dell’Università di Pittsburg, basandosi su un’analisi dei documenti di nascita della Pennsylvania occidentale.

Si tratta del primo lavoro che mette in relazione inquinanti del gas non convenzionale e problemi neonatali. Secondo il coautore, Bruce Pitt, «questi risultati non possono essere ignorati».

Lo sviluppo del gas non convenzionale comprende operazioni di perforazione orizzontale e fratturazione idraulica (fracking), che permettono l’accesso a grandi quantità di metano intrappolato in depositi di argillite impermeabili. Prima del 2007, erano soltanto 44 i pozzi della Pennsylvania in cui si utilizzava il fracking per ciucciare gas dall’immenso bacino denominato Marcellus Shale. Nel 2010, il numero è cresciuto fino a raggiungere i 2.864.

 

I risultati shock della ricerca

Vicino ai pozzi del fracking nascono bambini sottopeso-La ricerca della Graduate School of Public Health si concentra proprio sui dati, provenienti dalla sanità pubblica, relativi a 15.451 bambini nati in questa finestra temporale nelle contee di Washington, Westmoreland e Butler. Condizione necessaria per rientrare nel campione era la distanza dell’abitazione dei genitori ai punti di estrazione: massimo 10 miglia (16 chilometri). Il campione è stato poi suddiviso in quattro clusters, a seconda del numero di pozzi e della loro distanza dalle case delle madri.

Quelle le cui case erano comprese nel primo gruppo – pozzi più vicini e numerosi  –  hanno fatto registrare una probabilità del ​​34% più alta di avere bambini «piccoli per età gestazionale» rispetto alle mamme le cui case è rientravano nell’ultimo gruppo (più distanti dai pozzi e con un minor numero di essi nei dintorni). La formulazione «piccolo per età gestazionale» indica un bambino il cui peso alla nascita è inferiore al decimo percentile per l’età gestazionale (definizione).

 

Le responsabilità del fracking

Vicino ai pozzi del fracking nascono bambini sottopeso 2Sono molti i fattori che possono incidere, ma i ricercatori li hanno presi in considerazione: la madre fumava? Quale è stato il livello di cura prenatale? L’etnia della mamma? L’istruzione? L’età? Aveva già avesse avuto bambini? Qual era il sesso del bambino? Nonostante tutti questi accorgimenti, le responsabilità del fracking restavano evidenti.

«I feti in via di sviluppo sono particolarmente sensibili agli effetti degli inquinanti ambientali –ha detto il dottor Pitt – Sappiamo che l’inquinamento atmosferico da particolato fine, l’esposizione a metalli pesanti e benzene e lo stress materno sono tutti associati con un basso peso alla nascita».

Nel sud-ovest della Pennsylvania, i fluidi di scarto prodotti attraverso il fracking, chiamati flowback (riflusso), possono contenere il benzene. La fratturazione idraulica provoca anche l’inquinamento dell’aria tramite il gas flaring e combustioni controllate che rilasciano composti organici volatili, tra cui benzene, toluene, etilbenzene e xilene. L’aumento del traffico di camion e il rumore dei compressori diesel possono anche contribuire all’inquinamento atmosferico e acustico, elevando ulteriormente i livelli di stress per le mamme.

3 Commenti

  1. Critico i parolai, pertanto desidero fare un commento costruttivo e non fine a sé stesso, quasi uno sfogo per stare in pace con la propria coscienza. Difronte a queste evidenze,così come a tante altre non meno gravi c’è veramente da stupirsi sulla stupidità e superficialità umane. Ci stupiamo e ci allarmiamo per stupidaggini che giornalmente i media ci sottopongono o meglio ci somministrano ma poi restiamo indifferenti o quasi di fronte ai problemi veramente seri e drammatici! Quando ci sveglieremo da questo lungo coma di indifferenza per ragionare ognuno con i propri neuroni?

    • Il lavoro di disinformazione legato al potere economico è istituzionalizzato, può contare su strutture costruite e funzionanti da decenni in modo da minimizzare l’impatto delle voci fuori dal coro. Non c’è da stupirsi se una comunità casca nel tranello dell’industria del gas, i privati vendono i propri terreni per un piatto di lenticchie e poi vengono avvelenati dalle scorie del fracking. La tecnologia è propagandata come sicura, avanzata. Ma è largamente imperfetta sul fronte dell’impatto ambientale e sanitario. Cose che si scoprono spesso col tempo, sulla propria pelle.

  2. …continuate pure a scavare a tirare fuori gas, petrolio e quant’altro puo’ contribuire a destabilizzare l’equilibrio
    della terra, continuate pure a inquinare l’ambiente con i combustibili, finche’ ne rimangono, per quello che mi riguarda ho cercato di dare il mio contributo col progetto E C O M O T O R…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui