Nelle grandi dighe brasiliane annegano i diritti umani

L’arteria dell’Amazzonia è stata interrotta da due gigantesche dighe che hanno inondato 36 mila ettari di foresta abitata da tribù incontattate

Nelle grandi dighe brasiliane annegano i diritti umani

 

(Rinnovabili.it) – Le dighe lungo il fiume Madeira, nel Brasile occidentale, hanno invaso 36.100 ettari di foresta pluviale, costringendo alla fuga decine di migliaia di persone appartenenti a tribù indigene anche incontattate. Esse vivevano lungo il corso d’acqua, dal quale dipendevano.

Gli impatti dei due nuovi impianti di Jirau e Santo Antonio potrebbero estendersi oltre Brasile, fino a Perù e Bolivia. Non solo scacciano dalle loro terre gli indigeni, ma interrompono anche i flussi migratori del pesce gatto, spiega la ONG Amazon Conservation Association. Il gruppo ha rilasciato immagini satellitari che mostrano l’impatto delle due dighe sul Madeira. Quest’ultimo è una delle arterie blu che collegano le Ande peruviane alle pianure dell’Amazzonia. Attraverso di esse fluiscono i nutrienti per la terra e la mole d’acqua che alimenta l’immenso rio Amazonas, che taglia la foresta brasiliana da Ovest a Est.

Con le due dighe il percorso naturale delle acque è stato interrotto, allagando decine di migliaia di ettari di territori abitati dalle tribù. I sostenitori degli impianti dicono che questi progetti contribuiranno a generare posti di lavoro ed energia pulita, così come sminuiscono la portata delle inondazioni, mettendole in relazione alla vastità della foresta amazzonica.

 

Nelle grandi dighe brasiliane annegano i diritti umani 3

 

Ma per gli indigeni incontattati, sui quali ricade l’impatto delle grandi opere, non nessuna immunità a malattie comuni come l’influenza e il morbillo. Ogni forma di contatto rischia di spingerli verso l’estinzione, come è spesso accaduto in passato.

Le cose, per queste tribù, non sono destinate a migliorare: dopo la defenestrazione della presidente, Dilma Rousseff, è salito al governo il vice, Michel Temer. L’idea del nuovo esecutivo è rilanciare la crescita economica tramite l’avvio di mega progetti che coinvolgono miniere, dighe e strade, e godranno di una corsia preferenziale in barba alla deforestazione, gli impatti sulla biodiversità e i diritti dei popoli indigeni.

Articolo precedentePacchetto Economia circolare: ecco i nodi da risolvere
Articolo successivoIl nuovo sindaco di Londra rilancia il giardino urbano sul Tamigi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui