Microplastiche nel sale: più diffuse di quanto si creda

Lo studio pubblicato su Environmental Science & Technology rivela che nella quasi totalità di sali commerciali da tavola analizzati sono state trovate tracce di microplastiche; situazione più critica nel Sud Est Asiatico

inquinamento-da-microplastiche-sale-gp

 

L’inquinamento da microplastiche non risparmia nemmeno l’Italia

 

(Rinnovabili.it) – Il sale marino potrebbe essere utilizzato come un indicatore dell’inquinamento da microplastiche in mare. Ad affermarlo è un gruppo di ricercatori dell’Università di Incheon che, in collaborazione con Greenpeace East Asia, ha condotto uno studio, pubblicato sulla rivista scientifica Environmental Science & Technology, per valutare la presenza di microplastiche nei sali commerciali da tavola. La scoperta lascia a bocca aperta: nella quasi totalità dei campioni analizzati sono stati rinvenuti frammenti di microplastiche. Su 39 diversi brand di sale analizzati, infatti, soltanto in 3 non è stata trovata traccia di microplastiche. La contaminazione più alta si avrebbe nel sale marino, cui seguono quella nel sale da lago e nel salgemma. La situazione più allarmante, invece, sarebbe stata riscontrata nel Sud Est Asiatico, con picchi notevoli anche in Italia e nel Nord Europa.

 

>>Leggi anche Il 90% dell’acqua in bottiglia contaminata da microplastiche<<

 

Quello dell’inquinamento da microplastiche marittime è un problema che mette a rischio gli ecosistemi e la salute umana. Sebbene in passato siano stati condotti studi simili, questa ricerca è la prima del suo genere ad aver esaminato la diffusione geografica dei contaminanti del sale marino e la sua correlazione con lo scarico ambientale e i livelli di inquinamento derivanti dalla plastica. Secondo lo studio, il centro nevralgico per l’inquinamento plastico globale sarebbe l’Asia. In un campione di sale marino indonesiano, i ricercatori hanno trovato le maggiori quantità di microplastiche. Il paese, non a caso, è considerato il secondo peggiore emettitore di plastica negli oceani del mondo. I tre brand di sale italiani, presenti tra quelli analizzati, due di tipo marino e uno di salgemma, sono risultati tutti contaminati, con una concentrazione di microplastiche compresa tra le 4 e le 30 unità per chilogrammo. I 3 marchi “puliti” invece provenivano da Cina Taiwan e Francia. “I risultati hanno suggerito che l’ingestione umana di microplastiche attraverso prodotti marini è fortemente correlata alle emissioni di plastica in una data regione”, ha affermato la professoressa Seung-Kyu Kim, tra gli autori dello studio. Stando a quanto riferito dai ricercatori, supponendo l’assunzione di 10 grammi al giorno di sale, il consumatore medio adulto potrebbe ingerire circa 2.000 microplastiche all’anno solamente attraverso il sale, e anche scartando dalle stime il campione di sale indonesiano, altamente contaminato, il valore rimarrebbe comunque alto: diverse centinaia di microplastiche all’anno.

 

>>Leggi anche Il Parlamento UE chiede la messa al bando delle microplastiche<<

 

Cosa fare dunque per tutelarsi? Di sicuro, ne sono convinti gli autori della ricerca, fermare l’inquinamento plastico alla fonte: “Per la salute delle persone e del nostro ambiente – ha commentato Mikyoung Kim di Greenpeace East Asiaè incredibilmente importante che le aziende riducano immediatamente la loro dipendenza dalle materie plastiche usa e getta. Studi recenti hanno trovato plastica nei frutti di mare, nella fauna selvatica, nell’acqua del rubinetto e ora nel sale. È chiaro che non c’è via di fuga da questa crisi della plastica, soprattutto perché continua a infiltrarsi nei nostri corsi d’acqua e negli oceani”.

Articolo precedenteLa carrozzeria auto diventa batteria con le fibre di carbonio
Articolo successivoI big del carbone indiano investono 1,6 mld nel fotovoltaico

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui