Inquinamento: a Nuova Delhi attesi livelli record

Durante la festa delle luci, nel fine settimana, la capitale indiana vedrà salire vertiginosamente l’inquinamento

Inquinamento a Nuova Delhi attesi livelli record.(Rinnovabili.it) – L’aria di Nuova Delhi diventerà pesante. Per il fine settimana il livello di inquinamento supererà la soglia di allerta proprio durante l’Hindu festival of lights, o Diwali, la festa delle luci in cui si lanciano milioni di petardi. L’allarme viene da uno scienziato governativo, che mette in guardia dal rischio di problemi respiratori, ed è stato lanciato per la prima volta dopo l’entrata in vigore del nuovo Air Quality Index. Un fatto significativo che segna un passo in avanti da quando la città aveva deciso di archiviare uno studio dell’OMS che dichiarava la capitale indiana “città più inquinata del mondo”. Lo studio, che ha riguardato 1600 centri urbani, ha visto primeggiare la penisola con numeri da record: ben 13 delle prime 20 città al mondo per inquinamento dell’aria, infatti, sono indiane.

 

«Gli abitanti di Nuova Delhi si troveranno a respirare aria molto pesante almeno per un paio di giorni – sono state le parole di Gufran Beig, capo scienziato all’Indian Institute of Tropical Meteorology».

Si tratterà di 16 milioni di persone che vedranno l’indice di inquinamento dell’aria balzare da 220 a 450. Per farsi un’idea, quando si sorpassa la soglia di 401 chi è in buona salute rischia problemi respiratori, mentre chi è già malato potrebbe anche subire danni più gravi. È per questo che il governo ha provato a sensibilizzare la popolazione, chiedendo per una volta di festeggiare un “Diwali silenzioso”.

 

Spesso i livelli di inquinamento indiani sono stati paragonati a quelli dei cugini cinesi. L’esempio di Pechino, infatti, è sotto gli occhi dell’opinione pubblica internazionale, invece quello di Nuova Delhi passa più in sordina. Ma nei prossimi giorni, per colpa dei mortaretti, la qualità dell’aria sarà ancora peggiore di quella della capitale cinese. La situazione però dovrebbe volgere poi al meglio, dato che il freddo quest’anno è in ritardo anche in India. Il permanere del caldo aiuterà infatti le polveri a disperdersi più rapidamente.

1 commento

  1. Confermo. Mi trovo a New Delhi in questo periodo del Diwali. L’aria è irrespirabile, c’è un immensa coltre grigia che pende sulla città, al punto che non si riescono a vedere i palazzi oltre una certa distanza. L’aria è puzzolente, non si muove un alito di vento e gli odori vanno a cumularsi a quelli già provenienti dai tombini e dagli ammassi di spazzatura lasciata per strada dalla popolazione. La gola brucia e intanto continuano gli scoppi dei petardi, la puzza di bruciato e il traffico sempre pazzo!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui