L’agricoltura è ancora il tallone d’Achille per l’obiettivo Ue di inquinamento zero

Il 10% delle morti premature che avvengono ogni anno in Europa è ancora legato a cause ambientali. Dal 2000, le emissioni di ammoniaca e metano sono rimaste stabili o quasi. Anche i dati sulla perdita di nutrienti dei suoli preoccupano

Inquinamento zero: Ue, progressi col contagocce
Photo by Stefan Widua on Unsplash

Il rapporto di monitoraggio sui progressi verso il target Ue inquinamento zero

(Rinnovabili.it) – L’Europa paga sempre meno il conto delle contaminazioni da pesticidi e antimicrobici e della presenza di rifiuti marini. Ma non sta facendo progressi sul fronte dell’inquinamento acustico, di quello dei suoli e sugli altri tipi di rifiuti. È quanto emerge dal monitoraggio periodico dell’obiettivo inquinamento zero pubblicato ieri dalla Commissione.

A destare più preoccupazione è l’andamento dell’inquinamento atmosferico. Il 10% delle morti premature che avvengono ogni anno in Europa è ancora legato a cause ambientali. “Circa 238.000 decessi prematuri sono attribuibili al particolato fine nell’UE, 49.000 al biossido di azoto e 24.000 all’esposizione acuta all’ozono”, specifica il rapporto usando i numeri dell’EEA, l’Agenzia europea per la protezione ambientale. Ma non c’è solo questo fattore. “Anche l’inquinamento acustico e l’esposizione a sostanze chimiche, che probabilmente sono sottovalutati”, contribuiscono al numero dei decessi prematuri.

Leggi anche UE, la nuova direttiva qualità dell’aria non segue le linee guida Oms

Un dato che viene appena attenuato dai risultati sull’impatto sulla salute della scarsa qualità dell’aria: malattie cardiovascolari, disfunzioni respiratorie e tumori sono calati del 45%, in linea con l’obiettivo al 2030 di ridurli del 55% rispetto ai livelli del 2005, passo propedeutico verso il target inquinamento zero al 2050.

Negli ultimi 20 anni, la curva degli inquinanti è rimasta piatta o quasi per l’ammoniaca – prodotta in larghissima parte dall’agricoltura – e per il metano. Due dati che dovrebbero far accendere i riflettori soprattutto sul comparto agricolo e dell’allevamento e sulla scarsa, se non nulla, efficacia degli strumenti integrati nella politica agricola comune (PAC) per ridurre le emissioni.

Leggi anche SCENA, il software che calcola le emissioni di ammoniaca

Un quadro pieno di luci e ombre è anche quello sull’inquinamento dei suoli e dell’impatto su ecosistemi e biodiversità. Finora l’inquinamento atmosferico, l’inquinamento da pesticidi e da antimicrobici è stato ridotto rispettivamente del 12%, del 14% (ma del 26% relativamente all’uso di pesticidi più pericolosi e del 18%. Per l’obiettivo del 50% di perdite di nutrienti dei suoli non esistono ancora dati consolidati. Ma una serie di indicatori suggerisce che nutrienti sono rimaste relativamente stabili, senza alcuna riduzione significativa nell’ultimo decennio.

Articolo precedenteLondra aprirà la sua 1° miniera di carbone in 30 anni
Articolo successivoProroga CILAS Superbonus: in equilibrio tra si e no, ma è lo sblocco dei crediti a preoccupare

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui