Pesticidi e impatti sulla salute: il rapporto di Greenpeace

Parkinson, Alzheimer, tumori alla prostata e ai polmoni, rischi enormi per i bambini. Ecco perché abbandonare l’agricoltura industriale e i pesticidi

Pesticidi e impatti sulla salute il rapporto di Greenpeace-

 

(Rinnovabili.it) – Un’indagine in 56 pagine degli impatti dei pesticidi usati in agricoltura industriale sulla salute delle persone. Si presenta così il nuovo rapporto di Greenpeace, che arriva sulla scia di un dibattito sempre più caldo. Le preoccupazioni crescono nell’opinione pubblica, specialmente europea, dopo che l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC), diretta emanazione dell’Organizzazione mondiale della Sanità (WHO), ha definito il glifosato venduto da Monsanto come probabilmente cancerogeno per gli esseri umani.

Pesticidi e impatti sulla salute il rapporto di Greenpeace1Si è aperta nuovamente una questione politica, seppur mascherata da dibattito scientifico, che vede da una parte le lobby dell’agroalimentare decise a ottenere profitti ad ogni costo, dall’altra movimenti rurali e ambientalisti protesi nel tentativo di sovvertire lo status quo. In questo dibattito, Greenpeace si affida ancora una volta alla letteratura scientifica nel suo report “Pesticides and our Health: A Growing Concern”, indagando le pubblicazioni in tema di impatti sulla salute dei pesticidi comunemente utilizzati dall’agricoltura industriale.

«I pesticidi sintetici sono stati ampiamente utilizzati in tutto il mondo dal 1950 – spiega l’introduzione al dossier – Nel corso del tempo, molti di questi prodotti chimici sono diventati estremamente diffusi nel nostro ambiente a causa del loro utilizzo ampio e ripetuto. Alcuni necessitano di un tempo estremamente lungo per degradare, tale che anche quelli vietati ormai decenni fa – compreso il DDT – oggi si trovano comunemente nell’ambiente».

 

Le crescenti preoccupazioni per gli effetti di queste sostanze chimiche ha prodotto molte ricerche negli ultimi 30 anni, con studi che rivelano le associazioni statistiche tra esposizione ai pesticidi e rischio di menomazioni dello sviluppo, disturbi neurologici e immunitari e alcuni tipi di cancro.

I più esposti alle malattie sono proprio i lavoratori agricoli e le loro famiglie, avvolti dalle sostanze tossiche durante tutto il ciclo della loro vita lavorativa. Per gli adulti, gli studi hanno collegato l’esposizione dei pesticidi ad un’aumentata incidenza di diversi tumori – tra cui quello alla prostata e ai polmoni – e malattie neurodegenerative come il Parkinson e il morbo di Alzheimer. Alcuni pesticidi possono interrompere il normale funzionamento del sistema immunitario e ormonale. Ci sono persone che, a causa del loro corredo genetico, hanno maggiori probabilità di essere colpite dagli effetti tossici dei pesticidi, ed è possibile che alcuni di questi impatti sul corpo possano manifestarsi nelle generazioni future. Ciò significa che, anche se in futuro le persone non dovessero essere esposte a queste sostanze chimiche, potrebbero sviluppare ugualmente tumori e patologie.

 

Pesticidi e impatti sulla salute il rapporto di Greenpeace_

 

Pesticidi e cancro: dov’è la pistola fumante?

Tuttavia, dimostrare che una sostanza provoca indubbiamente una malattia è difficile. La retorica delle multinazionali fa perno sul fatto che la maggior parte delle malattie hanno molteplici cause e lunghe incubazioni. Per fare un esempio: non si può discriminare chi vende pesticidi da chi vende automobili, che provocano inquinamento atmosferico e contribuiscono a rovinare la salute delle persone.

Probabilmente chi sceglierà una soluzione radicale, abbandonando l’uso di pesticidi, erbicidi, ogm e uscendo dal sistema agroalimentare dominato dai grandi gruppi industriali, verrà tacciato di antiscientismo e sovversione. L’importante e non prestarvi orecchio: quel che consiglia Greenpeace è un ritorno all’agricoltura ecologica come unica soluzione per coltivare cibo sano e proteggere i nostri agricoltori, le loro famiglie e i nostri figli.

3 Commenti

  1. E’ molto difficile per una persona che, come me, lavora 8 ore al giorno alle dipendenze coltivare biologicamente tutto quello che ti serve per vivere. C’è poi da tenere in considerazione il fatto che lavori in un terreno biologicamente squilibrato per cui sei sempre attaccato massicciamente da qualcosa che prende il sopravvento sulla tua cultura. Morale: lavori tanto e mangi poco, comunque con molta soddisfazione.

  2. Ma se dovevate commentare un nuovo tipo di intervento alla mano avreste chiamato un’estetista specializzata in rifacimento unghie? Intervento superficiale e senza nemmeno conoscere e specificare la differenza tra concime e diserbante. Di tutta un’erba un fascio è il commento piu’ indicato.

    p.s.: non sono ne agricoltore ne rivenditore di “pesticidi” ma so che “la terra è bassa” e non è come la valle degli orti con il mulino bianco in mezzo e non esistono mucche lilla

    • Potresti riformulare il concetto e usare i tempi verbali giusti? Perché è un po’ arduo comprendere il tuo commento.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui