La rivincita del capitale naturale

Uno studio dell’università di Cambridge mette a confronto i benefici dello sfruttamento di 24 siti in tutto il mondo con i vantaggi che si ricavano dal lasciarli intatti

Capitale naturale: quando proteggere gli ecosistemi fa bene all’economia
Foto di Moritz Bechert da Pixabay

Il capitale naturale dà un valore economico agli ecosistemi

(Rinnovabili.it) – E’ un ragionamento che monetizza la natura e a qualcuno farà drizzare i capelli in testa, quello utilizzato dai ricercatori di Cambridge. Ma è anche uno degli approcci che si stanno diffondendo più rapidamente a livello globale, e c’è chi scommette che per questa via si può arrivare a rendere meno ‘umani’ i rigidi parametri macroeconomici come il Pil, che sono costruiti in modo miope e antropocentrico. Stiamo parlando del capitale naturale, una stima che traduce in termini economici i ‘servizi’ resi dagli ecosistemi. E li ingloba nelle valutazioni sulla convenienza economica di un progetto, o di un piano di sviluppo.

Gli studiosi di Cambridge hanno preso questo approccio, peraltro impiegato di recente nella Dasgupta review e per cui ha speso buone parole anche l’ONU, e lo hanno applicato a livello globale. In pratica, hanno costruito lo studio più completo mai apparso finora sulla materia. Basato sull’analisi dei dati da 24 siti sparsi sui 6 continenti, stacca nettamente l’unico tentativo precedente che si fermava a 6 siti. Risultato? Secondo gli autori dello studio, quando si tiene conto del capitale naturale è decisamente più conveniente preservare gli ecosistemi invece che favorirne lo sfruttamento.

Leggi anche Serve un piano Marshall per guarire l’economia della biodiversità

Ad esempio, i vantaggi economici della protezione di siti particolarmente rilevanti dal punto di vista naturale, come le zone umide e i boschi, superano il profitto che si potrebbe ricavare dall’utilizzo di questi terreni per l’estrazione di risorse. Ma lo stesso si può dire per il 70% degli altri siti ed ecosistemi analizzati. Questo perché i ‘servizi degli ecosistemi’, come vengono chiamati nello studio, ammortizzano o evitano dei costi molto alti per la società. Si tratta di ‘servizi’ come, per esempio, lo stoccaggio del carbonio o la prevenzione dalle inondazioni.

Come si è arrivati a questa conclusione? Gli autori dello studio hanno calcolato il valore annuale netto dei siti se lasciati intatti, e l’hanno confrontato con opzioni alternative di sfruttamento sull’arco di 50 anni. Tra i valori di base, i ricercatori hanno fissato i costi per la società del carbonio a 31 dollari per tonnellata: un valore bassissimo, estremamente conservativo. Gli Usa di Obama ad esempio l’avevano fissato a 50 dollari, valore ripreso da poco da Biden, ma diversi studi calcolano che dovrebbe essere di almeno 120-130 dollari per rispecchiare realmente l’impatto della CO2.

Leggi anche L’Onu presenta il piano per l’azione climatica dei prossimi decenni

Tra i risultati più interessanti, il fatto che la percentuale di siti che conviene lasciare intatti e preservati non cambia molto anche se si abbatte la variabile del costo sociale del carbonio. Con un costo irrisorio di 5 dollari a tonnellata, il 60% dei siti darebbe ancora un vantaggio economico maggiore quando non viene convertito ad uso umano. E se il costo sociale del carbonio viene completamente rimosso dai calcoli, ancora nel 42% dei casi ci conviene proteggere questi ecosistemi invece di sfruttarli.

Articolo precedenteTerna: anche a febbraio 2021 consumi elettrici in crescita
Articolo successivoNasce il Manifesto per le energie rinnovabili in Basilicata

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui