La decarbonizzazione è possibile: a Davos nasce l’iniziativa globale

L’alleanza riunisce 400 aziende in settori come l’acciaio, il cemento, la chimica, e i trasporti pesanti, navali e aerei. Inclusi big come Shell, Maersk, Airbus

Decarbonizzazione: a Davos nasce la Mission Possible Partnership
credits: StockSnap da Pixabay

La Mission Possible Partnership punta ad accelerare la decarbonizzazione dei settori hard-to-abate

(Rinnovabili.it) – I settori industriali con emissioni hard-to-abate uniscono le forze e promettono un piano congiunto per la decarbonizzazione entro il 2050. L’annuncio arriva dal World Economic Forum in corso in questi giorni a Davos, dove il gotha della politica, dell’industria e della finanza globali stanno mettendo sotto i riflettori i temi più rilevanti per il recupero post-pandemia, tra cui il clima.

L’iniziativa nata nella città svizzera ha dimensioni adeguate per lasciare il segno a livello globale. Sono oltre 400 le aziende coinvolte in un’alleanza che prende il nome  di “Mission Possible Partnership”. Rappresentano 7 dei settori a più difficile decarbonizzazione: acciaio, cemento, chimica, alluminio, trasporti navali, aerei e trasporti pesanti su gomma. E a metterle insieme ci ha pensato una coalizione di organizzazioni di advocacy, We Mean Business, che lavorano per consolidare questo primo risultato durante la COP26 di novembre prossimo a Glasgow.

Leggi anche Il Pianeta non si salva con “30 anni di bla bla bla”, il ritorno di Greta per il clima

E a guidare questa partnership ci sono alcuni tra i big dei settori. Partecipano, ad esempio, il gigante dell’acciaio Arcelor Mittal, il colosso danese dello shipping Maersk, e una compagnia petrolifera come la Shell.

I primi passi della coalizione? Le aziende si impegnano a lavorare lungo tutta la loro catena del valore, ma anche con i competitor, per stipulare degli “accordi sull’azione climatica”. Tutto questo a stretto giro, già entro il 2024. E sulla base di questi accordi, la Partnership metterà nero su bianco dei piani credibili per supportare la decarbonizzazione entro la metà del secolo.

Leggi anche La transizione energetica secondo Legambiente: lasciare il carbone e stop a nuovo gas

“Non si tratta solo di aziende che si impegnano per il clima, si tratta di riunire l’intera catena di approvvigionamento in modo che i settori abbiano un incentivo a decarbonizzare e lavorare più velocemente per ridurre le proprie emissioni”, ha commentato all’agenzia Reuters Maria Mendiluce, CEO della coalizione per il clima We Mean Business.

Articolo precedenteIl successo dell’asta spagnola: per il solare un’offerta da 0,014 €/kWh
Articolo successivoPrese elettriche intelligenti, la nuova promessa dell’IoT

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui