Tornado Bolsonaro sull’Amazzonia: deforestazione mai così male da 15 anni

I dati del sistema satellitare PRODES gestito dall’agenzia brasiliana per la ricerca spaziale Inpe segnalano che tra agosto 2020 e luglio 2021 è sparita un’area di Amazzonia grande 73 volte la città di Milano

Deforestazione: 2021 con record negativo per l’Amazzonia
Via depositphotos.com

Sotto Bolsonaro, la deforestazione media annua è raddoppiata

(Rinnovabili.it) – Il presidente che ha promesso di arrivare a deforestazione zero entro il 2028 è riuscito a ottenere l’opposto: quest’anno il logging in Amazzonia segna il peggior risultato degli ultimi 15 anni. Un balzo in avanti del 22% rispetto all’anno passato, quando già c’era stato un boom storico di disboscamento nella foresta pluviale più grande al mondo.

Sono i dati dell’Inpe, l’agenzia brasiliana per la ricerca spaziale che monitora con i suoi satelliti l’andamento della deforestazione in tutto il paese. Nel periodo compreso tra agosto 2020 e luglio 2021, l’Amazzonia ha perso 13,235 km2 di foresta. Per avere un’idea delle proporzioni, stiamo parlando di un’area grande 10 volte il comune di Roma, o 73 volte più estesa della città di Milano.

Leggi anche La foresta amazzonica è vicina al collasso

I dati parlano chiaro: è l’effetto Bolsonaro. Il presidente brasiliano è entrato in carica a gennaio 2019 ed è proprio da quel momento, dicono i dati Inpe, che la curva della deforestazione in Brasile è ritornata a crescere in modo consistente. Nei 10 anni precedenti, infatti, non era mai stata superata la soglia di 10mila km2 disboscati l’anno. Tra 2009 e 2018 la media arriva a 6.500 km2, mentre la media sotto il mandato Bolsonaro schizza quasi al doppio: 11.405 km2.

Il nuovo ministro dell’Ambiente Joaquim Leite (quello precedente, Ricardo Salles, si è dimesso dopo che si è scoperto che era coinvolto in un traffico illegale di legname) ha detto che i dati rappresentano una “sfida” per il paese, ma che “non riflettono esattamente la situazione degli ultimi mesi”. In realtà i numeri di ottobre certificano semmai l’opposto: la deforestazione è cresciuta di un altro 5% sullo stesso mese del 2020. E il trend non è affatto buono. Da gennaio a ottobre sono spariti 9.724 km2, addirittura il 33 per cento in più rispetto ai primi 10 mesi del 2020. (lm)

Leggi anche Il Brasile promette deforestazione zero entro il 2028

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui