Le emissioni degli aerei triplicheranno entro il 2050

L’analisi di Climate Action Tracker spiega come il settore sia su una traiettoria per un aumento della temperatura globale di 3-4 gradi. A metà secolo, senza interventi, le emissioni potrebbero salire a 1.850 MtCO2

Voli a zero emissioni
Credits: Jan Vašek da Pixabay

Gli sforzi per contenere le emissioni degli aerei sono “altamente insufficienti”

(Rinnovabili.it) – Senza un’inversione di rotta, il settore aereo raddoppierà o addirittura triplicherà le sue emissioni entro metà secolo. Rispetto ai livelli del 2019, infatti, con le politiche attuali, le emissioni degli aerei potrebbero crescere fino a 1.100-1.850 milioni di tonnellate di CO2 (MtCO2) nel 2050. Mettendosi così su una traiettoria compatibile con un riscaldamento globale compresa tra i 3°C e i 4°C.

Lo calcola Climate Action Tracker a pochi giorni dalla riunione dell’Icao, l’Organizzazione internazionale dell’aviazione civile che deve discutere quali riforme adottare per tagliare le emissioni degli aerei nei prossimi decenni. Ma le tre opzioni che saranno sul tavolo, nota CAT, sono tutte fuori strada.

Leggi anche Gli aerei a idrogeno liquido? Dal 2035 saranno realtà

Perché il settore dia davvero il suo contributo per rispettare l’Accordo di Parigi, dovrebbe ridurre le emissioni di CO2 del 90% rispetto ai livelli del 2019 e dare una sforbiciata decisa anche a quelle diverse dall’anidride carbonica. Gli sforzi per ridurre l’impatto climatico dell’aviazione internazionale, infatti, devono comprendere l’intera portata degli effetti climatici dell’aviazione e quindi includere misure per ridurre le emissioni di NOx e fuliggine.

Ma anche il più ambizioso dei tre percorsi che saranno discussi all’Icao non va oltre una diminuzione del 70%. Quello meno stringente prevede addirittura un aumento delle emissioni degli aerei del 50%. Prima dello scoppio della pandemia di COVID-19, l’aviazione internazionale emetteva circa 600 MtCO2 all’anno, pari all’1,2% delle emissioni globali di gas serra.

“È deludente constatare che, anche dopo oltre 20 anni in cui è stato imposto di ridurre le emissioni di gas serra, l’industria del trasporto aereo ha difficoltà a compiere i passi richiesti”, commenta Silke Mooldijk, autrice dell’analisi, dell’organizzazione partner di Climate Action Tracker, NewClimate Institute. “Non sembra esserci una reale volontà nel settore dell’aviazione di ridurre le proprie emissioni a qualcosa di simile a zero, nonostante l’Accordo di Parigi sia chiaro che tutti i settori devono farlo”.

Leggi anche Danimarca, dal 2030 voli aerei completamente ecologici

Articolo precedenteDai capelli un nuovo substrato per l’idroponica urbana
Articolo successivoL’aumento di emissioni di CO2 dell’Amazzonia? Colpa della polizia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui