Emissioni storiche, in 30 anni i 5 più grandi inquinatori hanno rosicchiato l’11% del Pil globale

Ricercatori del Darmouth College mettono a punto il primo studio che fornisce stime legalmente valide dei danni finanziari che le singole nazioni hanno subito a causa delle attività climalteranti di altri paesi

Emissioni storiche: ecco il 1° studio che inchioda i grandi inquinatori alle loro responsabilità
Foto di CapeCom da Pixabay

Stabilito un collegamento diretto tra i gas serra di un paese e i danni subiti da un’altra nazione

(Rinnovabili.it) – Uno dei temi che domina i negoziati sul clima in questi anni è quello delle compensazioni, i cosiddetti loss&damage. Se si considerano le emissioni storiche, cioè quelle accumulate dall’inizio dell’età industriale a oggi, le economie più avanzate sono responsabili di una quota assolutamente maggioritaria di gas serra. Ma come si può calcolare l’impatto che queste emissioni hanno avuto a livello globale? Ed è possibile stabilire con qualche precisione i danni provocati in un certo stato dalle emissioni di un altro paese?

Un team di ricercatori del Dartmouth College si è posto queste domande e ha elaborato un modello in grado di stabilire delle connessioni dirette tra i gas serra emessi da un paese e gli impatti sul Pil in altri 143 stati. È la prima volta che viene messo a punto uno strumento che permette di attribuire le conseguenze delle emissioni climalteranti con questo grado di accuratezza. In passato, altri studi avevano stimato l’impatto economico dei gas serra globali o di singoli paesi, ma senza riuscire a quantificare quanto il livello di riscaldamento globale attribuibile a una singola nazione. Se la comunità scientifica lo riterrà abbastanza solido, lo studio pubblicato su Climatic Change potrebbe dare una grossa mano alle richieste di loss&damage dei paesi più vulnerabili.

Leggi anche 5 grandi emettitori regaleranno al 92% dei Paesi un futuro sempre più bollente

“I gas serra emessi in un Paese causano riscaldamento in un altro, e questo riscaldamento può deprimere la crescita economica”, spiega Justin Mankin, uno degli autori dello studio. “Questa ricerca fornisce stime legalmente valide dei danni finanziari che le singole nazioni hanno subito a causa delle attività climalteranti di altri paesi”. E potrebbe mettere spalle al muro i paesi più industrializzati, che dalla COP25 di Madrid del 2019 stanno frenando a più non posso l’entrata in vigore di un meccanismo per compensare le perdite e i danni. “Finora, la complessità del ciclo del carbonio, le variazioni naturali del clima e le incertezze dei modelli hanno fornito agli emettitori una plausibile negazione per le richieste di danni individuali. Questo velo di negazione è stato ora sollevato”, ha dichiarato Mankin.

Leggi anche COP26 di Glasgow, che batosta sulla finanza climatica

Cosa emerge dall’analisi del team del Darmouth College? I primi 10 emettitori globali da soli, hanno calcolato i ricercatori, causano più di due terzi delle perdite economiche a livello mondiale. Ci sono poi delle tendenze. I paesi che perdono dal riscaldamento globale sono generalmente più caldi e più poveri della media globale, e si trovano di solito ai tropici e nel Sud del mondo. Al contrario, i paesi che beneficiano (per ora) dal climate change sono più freddi e più ricchi della media globale, e sono generalmente situati alle medie latitudini e nel Nord.

I primi 5 emettitori mondiali di gas serra, ovvero Cina, Stati Uniti, Brasile, India e Russia, hanno provocato complessivamente perdite economiche per 6.000 miliardi di dollari dal 1990 a oggi, circa l’11% del Pil globale. La fetta maggiore spetta agli USA, che sono responsabili di danni per 1.910 mld di dollari negli ultimi 30 anni. (lm)

Articolo precedenteQual è il costo del Superbonus per lo Stato? Secondo Ance molto meno di quanto si pensi
Articolo successivoAiuti di stato alle rinnovabili, la Commissione UE pronta ad allentare le norme

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui