RIscArti, torna a Roma il festival del riciclo creativo

E’ partita la seconda edizione del RIscArti festival, piattaforma multidisciplinare e percorso emozionale insieme, dedicato al tema riuso soprattutto in ambito creativo

Festival RIscArti, a Roma 10 giorni di green performance(Rinnovabili.it) – Non buttare, crea! Questo il leit-motiv che da oggi fino all’11 maggio sentirai risuonare alla Città dell’Altra Economia di Roma. E’ partita, infatti, la seconda edizione del RIscArti festival, piattaforma multidisciplinare e percorso emozionale insieme, dedicato al tema riuso soprattutto in ambito creativo. Gli spazi della Città dell’Altra Economia si sono trasformati per l’occasione in un laboratorio a cielo aperto dove i visitatori possono toccare con mano i frutti del riciclo creativo. A partire dalle quattro vecchie autovetture del trasporto urbano ATAC trasformate in speciali spazi espositivi ed allestite con gli ecomateriali del Treno Verde di Legambiente; al loro interno sono in mostra più di 50 pezzi di riciclo creativo provenienti dalle collezioni straniere di Art Recup (Francia) Drap Art (Spagna) e Volos (Grecia) ospitati da RIscARTI e le opere votate dal pubblico nel contest “Riscattati a RIscARTI con YOUREC”.

 

Nel piazzale esterno la BOX CAM – un salottino rinato dagli scarti grazie al lavoro di Officina Move – raccoglierà le video-interviste di ISPRA tv ai Maestri del riciclo. I loro pensieri daranno vita a GAIA la rubrica dei Green Artisti In Action. E perché RIscArti possa davvero chiamarsi festival non poteva mancare l’eco musica: sopra ad un palco riciclatoAndrea Satta (Tete de Bois) e Bamboo, Club Voltaire, Riciclato Circo musicale e i Prototipi di Scartus, con strumenti auto costruiti, bidoni, tubi e biciclette, esperienze musicali che fanno bene al Pianeta. Non manca neppure la Critical Fashion con un nuovo remade in Italy, che porta “in passerella” un nuovo stile green: dal Team di Re-Nate guidate da Stefania Giacomini, e gli accessori di ByLudo, alle esperienze di AlterEquo, Occhio del Riciclone e Francesca de Nardi Concept studio, abiti e creazioni per riaccendere l’intelligenza Ecologica durante gli acquisti.

Articolo precedenteMari e oceani, l’Europa concentrata sulla salvaguardia
Articolo successivoFonti fossili: Greenpeace chiede al G7 maggiore indipendenza